×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Cortona  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su Cortona

Superfice:
342 km2
Altitudine:
494 m
Abitanti:
24646 [2014-01-01]
Introduzione

Cortona si trova al confine tra la Toscana e l'Umbria, nella parte di Val di Chiana che viene chiamata aretina, su una collina di circa 600 metri d’altitudine da cui si gode una meravigliosa vista che, nelle giornate più limpide, arriva anche fino al lago Trasimeno.

Il clima di Cortona è tipicamente appenninico, con piogge frequenti durante l’autunno e l’inverno; le temperature sfiorano i 30 °C d’estate e scendono anche sotto lo zero durante l’inverno.

La storia di Cortona lunga e affascinante, che si rifà addirittura alla mitologia. Secondo alcuni qui arrivò Ulisse, alla ricerca di una seconda Itaca; secondo Virgilio, invece, da Cortona veniva l’etrusco Dardano, fondatore di Troia, e quindi, indirettamente, fondatore di Roma attraverso Enea. Quello che è certo è che Cortona fu un’importante città di origine etrusca, una lucumonia, tra il VIII e il VII secolo; divenne molto potente soprattutto grazie alla sua posizione strategica, e furono proprio gli Etruschi nel IV secolo avanti Cristo a costruire le grandi mura che circondano le città ancora oggi per un totale di 3 chilometri.

Cortona è una città di grande importanza anche dal punto di vista archeologico: qui infatti è stata portata alla luce la celebre Tabula Cortonensis, una delle più note iscrizioni in lingua etrusca, la terza al mondo per lunghezza. Nel quarto secolo avanti Cristo, Cortona strinse un’alleanza con quella che si apprestava a divenire la potenza dominante, cioè Roma; l’alleanza, però, fu fragile e di breve durata, e proprio sulle sponde del Trasimeno di fu uno scontro violento.

Dopo il periodo romano, Cortona venne invasa dai Goti, e per tutto l’Alto Medioevo questo centro quasi sparisce dai registri e dalle testimonianze storiche ufficiali, tanto che non si sa nemmeno se fu sede vescovile. Passa poi sotto l’influenza di Arezzo, e dal Duecento diventa un libero comune, governato da un podestà, alleato di Perugia per difendersi dalla stessa Arezzo, che nel 1258 però la saccheggia con l’aiuto dei guelfi cortonesi. La città passa poi, col tempo delle Signorie, alla nobile famiglia dei Casali, a cui si deve l’omonimo palazzo.

Il Rinascimento fu un periodo di grandi cambiamenti e di gloria anche per Cortona, che entrò a far parte della Repubblica fiorentina, diventandone una città fondamentale dal punto di vista militare per la sua difesa. È in questi anni che viene costruito uno dei simboli della città, la Fortezza del Girifalco: nel 1509, infatti, la guerra tra la stessa Firenze e l’esercito spagnolo vede come necessaria la costruzione di nuove strutture militari, e la fortezza viene costruita nel 1549. Cortona diventa anche sede di un capitanato. Ma nel Rinascimento Cortona è anche luogo d’arte e di cultura, e ancora oggi infatti ospita opere di artisti di primo piano come Luca Signorelli e Pietro Berrettini, e per l’architettura Francesco di Giorgio Martini.

Nei secoli successivi Cortona passò dai Medici agli Asburgo-Lorena, i nuovo Granduchi di Toscana, che eseguirono importanti opere di bonifica e di miglioramento delle infrastrutture. Un anno importante fu il 1727, quando venne fondato uno dei primi centri di ricerca in Italia sulla storia antica, l’Accademia Etrusca, che attirò l’attenzione di intellettuali del calibro di Voltaire, Muratori, Winckelmann e curò anche l’edizione italiana del testo fondamentale dlel’Illuminismo, il Dizionario Enciclopedico di Diderot.

Tra gli eventi più importanti che si tengono a Cortona ogni anno sono da ricordate Cortona on the Move, festival internazionale di fotografia, e da luglio ad agosto il Cortona Mix Festival.

La Toscana è ricchissima di prodotti tipici di grande qualità e Cortona non fa certo eccezione, a partire dal vino, con l’omonima DOC che dà origine a Cortona Chardonnay, Cortona Grechetto, Cortona Pinot Bianco, Cortona Riesling Italico, Cortona Sauvignon, Cortona Cabernet Sauvignon, Cortona Gamay, Cortona Merlot, Cortona Pinot Nero, Cortona Sangiovese, Cortona Syrah, Cortona Rosato, Cortona Vin Santo, Cortona Vin Santo Occhio di Pernice.

Tra le ricette tipiche della gastronomia cortonese, i deliziosi crostini con i fegatini, la panzanella, i pici al ragù, la minestra di pane, la classica ribollita, la minestra di fagioli, le pappardelle alla lepre, la pappa col pomodoro, il coniglio in porchetta, la bistecca di Chianina, i fegatelli di maiale, il cinghiale in salmì o in umido, e tra i dolci il castagnaccio, i cantucci, la ciaccia con l’uva, i cenci, la ciaramigli, gli strufoli.

Cortona ha legato il suo nome a molti personaggi famosi del passato e del presente, attirati anche dalla bellezza del luogo e qui giunti da lidi lontani. Secondo una tradizione, ad esempio, Pitagora, il celebre filosofo e matematico greco, sarebbe sepolto qui. Pietro da Cortona, celebre artista del primo barocco, nacque nella cittadina (fu lui a progettare il palazzo pontificio di Castel Gandolfo), mentre San Francesco d’Assisi vi fondò un eremo.

Molti sono stati anche i film e i telefilm che sono stati girati a Cortona: il più celebre è sicuramente “Sotto il sole della Toscana” (Under the Tuscan Sun), interpretato da Diane Lane e Sandra Oh, oltre a Raoul Bova e Mario Monicelli, e basato sull’omonimo romanzo della scrittrice Frances Mayes, che risiede a Cortona e lì ha ambientato il suo libro, basato su una storia autobiografica. È proprio Villa Bramasole, splendida residenza rimasta a lungo tempo abbandonata, ad essere la location principale per gran parte del film, e oggi è la dimora della Mayes. A Cortona è stata girata anche la mini-serie dedicata a uno dei più grandi campioni del ciclismo italiano e internazionale, “Gino Bartali - L’intramontabile”, con Pierfrancesco Favino nel ruolo del protagonista.

Prefisso:
0575
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
cortonesi
Patrono:
Santa Margherita da Cortona
Giorno Festivo:
22 febbraio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

27
Buona
19
Ottimo
7
Media

Chi c'è stato

Tutti
19
Coppie
7
Famiglie
5
Turisti maturi
3
Giovani e single
2

Indicatori

Sicurezza
mangiare e bere
Accoglienza
Attrattive
Alloggio
Accessibilità
Servizi ai turisti
attività
shopping
convenienza
Intrattenimento
Trasporti
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Cortona

Conosci Cortona? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Si possono ammirare importanti edifici medievali e rinascimentali: Palazzo Comunale (XIII sec.) su piazza della Repubblica ; Palazzo Casali (XIII sec.) che si affaccia su pizza Signorelli ; Palazzo del Capitano del Popolo (XII sec.) modificato nel ‘500; Duomo (XV... vedi tutto sec.); chiesa di S. Francesco iniziata nel 1245 da frate Elia Coppi ospita una serie di opere d’arte rispettivamente: sull’altare maggiore il reliquiario della Croce Santa di arte bizantina in avorio e argento ; al IV altare destro , S. Antonio e il miracolo della mula , del Cigoli (1597); nella cappella absidale , monumento funebre del vescovo Ubertini (XIV sec.). Ai piedi del colle , elegante chiesa rinascimentale della Madonna del Calcinaio , capolavoro di Francesco di Giorgio Martini; pianta a croce latina ; caratteristiche le vetrate di Guillaume de Marcillat e la venerata immagine della Madonna del Calcinaio.Seguono il Museo dell’Accademia Etrusca la cui opera di maggior rilievo è il lampadario etrusco in bronzo , con una testa di gorgone al centro e decorazioni fantasiose di animali ; tra i dipinti spicca la pala d’altare di Pietro da Cortona “Madonna in trono e quattro santi “; il museo ospita il rinomato falso storico della Musa Polimnia realizzata da Giuseppe Guerra. Infine il Museo Diocesiano che contiene opere di notevole importanza di Pietro Lorenzetti (Madonna e Angeli), di Luca Signorelli (Comunione degli Apostoli), di Bartolomeo della Gatta (Assunzione) e di Beato Angelico (Madonna col Bambino e Angeli e la famosa Annunciazione).
betti incerti
Livello 23     3 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 7
Guida generale : Consiglio di visitare il borgo in occasione del festival di fotografia "Cortona on the move". In quel periodo c'è la possibilità di girare tutta la cittadina visitandone i luoghi più caratteristici, come la Fortezza ad esempio o edifici dismessi, come... vedi tutto l'ex ospedale. Cortona presenta caratteristiche tipiche dei borghi medievali ed essendo su una collina bisogna preparasi a lunghe passeggiate con grandi dislivelli su antiche pavimentazioni. Il borgo è ricco di piazze e vie con negozi e bar e ristorantini all'aperto, molto frequentati dai residenti. Consiglio di sostare almeno una mezz'ora sulla scalinata di Piazza della Repubblica ed osservare il via vai di gente e turisti. Ho alloggiato all'hotel Italia, in un antico palazzo medievale e lo consiglio per la disponibilità ed estrema gentilezza del personale, l'ottima colazione servita all'ultimo piano con vista sui tetti e vallata sottostante Cortona e per l'ambientazione.
Da non perdere maec
adelia
Voto complessivo 10
Guida generale : Cortona, situata in provincia di Arezzo è al confine tra Toscana ed Umbria,ricca di importanti presenze per arte, storia,cultura, ordinata, sempre viva con tante manifestazioni culturali,posta su una collina dalla quale nei giorni tersi si scorge il bel Lago Trasimeno.... vedi tutto La cucina tipica toscana ci accoglie, le sue gelaterie ci propongono prodotti ottimi e di ampia scelta, le persone sono socievoli e che dire..la natura che la circonda è splendida come pure il suo cielo trapuntato di stelle.Qui sole,pace,tranquillità ci attendono.
Da non perdere centro storico
ADRIANO
Voto complessivo 10
Guida generale : MUSEO DIOCESANO, RICCO DI SPLENDIDE OPERE DI SOMMI MAESTRI, PARTENDO DALLA PRIMA SALA CON OPERE DI PIETRO LORENZETTI E LUCA SIGNORELLI PER GIUNGERE ALL'ANNUNCIAZIONE SMAGLIANTE DEL BEATO ANGELICO, FINO AD UNO SPETTACOLARE RELIQUARIO. SI ORGANIZZANO MOSTRE IN VARIE CITTA' MENTRE... vedi tutto DEVE ESSERE PROPAGANDATO QUESTO MUSEO RICCO DI MOLTI ALTRI REPERTI DAL SARCOFAGO ROMANO DEL II SECOLO D.C.AGLI STALLI LIGNEI DEL 1550 E I RARI AFFRESCHI DEL VASARI. ANCORA SI DEVE VISITARE IL MUSEO DELL'ACCADEMIA ETRUSCA DOVE GIGANTEGGIA LO SPLENDIDO LAMPADARIO ETRUSCO CHE DA SOLO VALE IL VIAGGIO
Da non perdere Museo etrusco , Museo Diocesano Del Capitolo Cattedrale Di Cortona , Museo Diocesano Del Capitolo Cattedrale Di Cortona
Walter Belloni
Livello 51     6 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : Visitata a luglio 2014, bello il centro storico ed il museo etrusco. Come ogni borgo toscano le viette che si ramificano dal centro sono da percorrere perdendosi. Buona scelta di ristoranti ed enoteche. A mio avviso troppe macchine circolanti nell'area... vedi tutto centrale che ostacolano e limitano le possibilità di visita tranquilla del borgo. Non ho gradito la chiusura senza avvisi o informazioni delle necropoli etrusche uniche nel loro gerenere che stanno ai piedi della città. Da rivedere l'offerta culturale relatica ai siti archeologici
Andrea Chiaromonte
Livello 26     4 Trofeo   
Voto complessivo 8
Guida generale : Troppo poco un giorno per poter apprezzare Cortona e dintorni. Sono rimasto favorevolmente impressionato dalla cordialità dei cortonesi che tornerò sicuramente a visitare con più calma. Per fortuna, nel mio breve soggiorno, sono riuscito a visitare Le Celle", tappa obbligatoria per... vedi tutto chi viene da queste parti. Ho alloggiato al Monastero S. Silvestro che ho trovato davvero conveniente nel rapporto qualità/prezzo. La sera ho cenato alla Trattoria Dardano dove sono tornato a pranzare anche il giorno dopo ... evidentemente è stata di mio gradimento! E non solo per la qualità della cucina, ma anche per l'accoglienza riservata ai clienti.
Da non perdere Eremo Le Celle , Santa Margherita
Antonella
Voto complessivo 10
Guida generale : È un piccolo borgo toscano ma veramente molto molto carino, ha negozi caratteristici (tra cui uno che vende prodotti in pelle realizzati direttamente da loro quindi si può trovare in molti colori) e poi quando passeggi per il corso (anche... vedi tutto questo piccolo) ti senti in un altra realtà! Da provare!!!
sandra quadri
Voto complessivo 8
Guida generale : cittadina etrusca meravigliosa, ricca di storia e di opere d'arte di artisti famosi in tutto il mondo, tranquilla, offre la possibilità di mangiare bene ovunque. L'estate è il periodo migliore per visitarla perchè la sera offre sempre qualche spettacolo particolare,... vedi tutto da non perdere poi la sagra della bistecca, la sagra del fungo porcino e la mostra del mobile antico.
Da non perdere Museo Diocesano Del Capitolo Cattedrale Di Cortona , Museo Diocesano Del Capitolo Cattedrale Di Cortona
silvana perugini
Livello 29     4 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici
Voto complessivo 8
Guida generale : Cittadina toscana dove ti dimentichi di essere nel 2013. Puoi passeggiare a piedi, rilassarti girovagando per le colline circostanti e assaggiare menù a base di crostini, costate, pici e quant'altro. Troverai molti agriturismi con ogni confort e piscina per l'estate.... vedi tutto Potrai godere di un'aria pulita e di relax senza fine.
Da non perdere Duomo
chiara aucone
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con amici, Da solo
Voto complessivo 8
Guida generale : Cittadina da visitare d'estate quando sono organizzate molti eventi culturali;inoltre ci sono molti ristoranti degni di nota che offrono sia cucina tipica che più elaborata. Degno di nota il museo Maec, spesso ospita anche collezioni straniere. La sua posizione strategica... vedi tutto la rende un ottimo punto per fare base e visitare le principali città toscane (Siena, Arezzo, Firenze) e umbre (Perugia e tutto il comprensorio del lago Trasimeno).
Da non perdere Eremo Le Celle
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0

Altre Risorse

IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0
DestinationListNear-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Cortona

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Enogastronomia
Arte e cultura
Mete romantiche
Verde e natura
Montagna
Mete per la famiglia
Shopping
Pellegrinaggi
Giovani e single
Cicloturismo
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0