×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020026
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010004
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013

Chatillon: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0040029
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,003003
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Chatillon è un comune italiano della Valle d'Aosta che conta circa 5.000 abitanti distribuiti in una superficie di 36,68 chilometri quadrati e che, vista la sua particolare posizione (dista circa 30 chilometri dal confine con la Svizzera e circa 70 da quello con la Francia) è noto con diversi nomi: "Tsâteillon" in patois valdostano (una sorta di varietà dialettale che ha qualcosa della lingua francoprovenzale), "Géschtullju" in lingua wasler (simile allo svizzero tedesco nella sua forma più arcaica), "Cas-cion" in dialetto piemontese.

È un comune situato nel cuore della valle del fiume Dora Baltea, all'ingresso della Valtournenche, e poggia su una specie di conca sovrastata a nord dal Monte Zerbion e a sud dal Monte Barbeston e dalla Cima Nera. Presenta un clima caldo e temperato (vista la zona), che riscontra una piovosità significativa durante tutto l'anno: durante i mesi invernali le temperature medie si attestano sui 3 C°, mentre il mese più caldo è luglio (che presenta una temperatura media di circa 20 C°).

Alcuni ritrovamenti di frammenti di ceramica presso la stazione ferroviaria locale lasciano pensare che la zona di Chatillon sia abitata sin dai tempi della preistoria. Il toponimo latino con cui il comune era noto è "Castellum" ed è certificato che il ponte sul torrente Marmore risalga all'epoca romana, così come le epigrafi sul muro della scalinata verso la chiesa.

I primi due castelli della città sono invece di origine medievale e si devono alla volontà della famiglia nobiliare valdostana degli Challant, che acquistarono il feudo di Chatillon nel 1252: il primo (oggi di proprietà dei Passerin d'Entrèves) venne edificato verso la metà del XIII secolo, mentre la costruzione del secondo (il castello di Ussel) risale al 1350. Il Castello baron Gamba, noto per i suoi giardini, è invece di origine molto più recente ed è stato costruito soltanto nel 1901.

Un’altra data di rilievo per la storia locale è il 16 maggio del 1800, giorno in cui si svolse la Battaglia di Chatillon tra truppe francesi ed austriache. Nel frattempo la città aveva comunque iniziato a svilupparsi come polo industriale già durante il XIV secolo, grazie allo sfruttamento delle miniere di ferro di Ussel.

Di grande tradizione anche il settore manifatturiero locale e quello tessile: si pensi ad esempio all'impresa "Soie de Chatillon", specializzata nella produzione di tecnofibre; un'azienda che sarebbe diventata tanto importante da garantire al suo presidente Furio Cicogna di presiedere l'intera Confindustria tra il 1961 ed il 1966.

La sua posizione all'ingresso della Valtournenche ha reso Chatillon anche un importante polo commerciale, caratterizzato da rapporti di scambio con tutta la zona del Vallese e sede di importanti fiere di bestiame. XVIII e XIX secolo sono stati quelli in cui la città è cresciuta anche dal punto di vista del turismo, grazie alla nascita di diversi alberghi e locande dedicati sia agli alpinisti che ai villeggianti generici (anche per merito della vicinanza con Saint-Vincent e le sue celebri terme).

Oggi uno dei motori dell'economia locale è dato dalla produzione di energia idroelettrica: un fenomeno comune a diverse località valdostane e reso possibile dalle acque del torrente Marmore e dalle diverse centrali distribuite sul territorio (nella stessa Chatillon, ma anche in località Saint-Clair e a Covalou).

I monumenti più importanti di Chatillon sono sicuramente quei tre castelli di cui abbiamo già avuto modo di parlare. Il Castello Passerin d'Entrèves (noto anche come Castello di Chatillon), la cui biblioteca interna un tempo custidiva l’intero archivio della famiglia Challant, domina dall'alto il borgo antico ed è circondato da un parco noto per la sua vegetazione straordinaria. È uno dei castelli più antichi della Valle d'Aosta, anche se purtroppo conserva davvero poco del suo aspetto originale: oggi si presenta come una struttura di pianta rettangolare, con due torri a ponente ed una torre a levante (per la foresteria e la cappella).

Il Castello di Ussel sorge invece su uno scoglio di serpentinite, per controllare l'imbocco della Valtournenche e del fondovalle della Dora Baltea, mentre il Castello Baron Gamba si trova su un poggio nella parte occidentale della cittadina, in località Cret de Breil. Le frazioni di Chatillon sono inoltre caratterizzate dalla presenza di diverse torri di epoca medievale, che spesso prendono il nome delle località in cui si trovano: la torre di Conoz, appartenente alla nobile famiglia Barmaz, è di vedetta su una collina lungo il sentiero panoramico numero 6 che porta a Promiod; la torre Néran appartiene invece ad un antico complesso architettonico fortificato che si trova lungo la strada per il Col de Joux, è caratterizzata da mura spesse quasi 2 metri e la sua realizzazione sembra essere databile attorno al XII secolo.

La città presenta anche importanti aree naturali interne, tra cui spicca sicuramente il parco del già citato castello Passerin d'Entrèves: questo si estende per una superficie di ben tre ettari (di cui due sono aperti al pubblico durante i mesi estivi) ed è caratterizzato da piante antiche che sembrano risalire addirittura all'inizio del XVIII secolo; conserva l'ultimo giardino alla francese storico rimasto in Valle d'Aosta e ben 33 suoi alberi (appartenenti a 9 specie diverse) sono stati dichiarati "monumentali", ovvero di un particolare valore paesaggistico, naturalistico, storico e culturale.

Arrivare a Chatillon è possibile in automobile attraverso l'autostrada E25 (che collega Torino al capoluogo di provincia Aosta) e attraverso la Strada Statale SS26. La città è inoltre caratterizzata da una stazione ferroviaria e da un servizio di pullman di linea che forniscono collegamenti giornalieri con città quali Torino, Milano, Ivrea, Martigny, ma anche con la Riviera Ligure e quella Romagnola. Gli aeroporti più vicini sono quelli di Aosta (distante circa 21 chilometri, ma privo di traffico commerciale regolare) e Torino (distante circa 90 chilometri).

Fuso Orario:
UTC+0
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0070069

Valutazione generale

3
Media
1
Ottimo
1
Buona

Chi c'è stato

Nessun dato disponibile

Indicatori

Sicurezza
convenienza
Attrattive
Alloggio
mangiare e bere
Accoglienza
Accessibilità
Servizi ai turisti
attività
shopping
Intrattenimento
Trasporti
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0080077
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Chatillon

Conosci Chatillon? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Milena  La Gatta
Livello 0     0 Trofeo   
Voto complessivo 3
Guida generale : Al Castello Gamba tante iniziative culturali. Fino al 29 settembre, la mostra ALTISSIMI COLORI - La montagna dipinta: Testori e i suoi artisti, da Courbet a Guttuso. Casa Testori è un hub culturale alle porte di Milano, che con il Castello Gamba... vedi tutto - Museo di Arte Moderna e Contemporanea della Regione, ha messo a punto un piano di valorizzazione della collezione del Museo. Il parco del castello ospita alberi secolari e, in occasione della mostra vi saranno occasioni di intrattenimento anche per i più piccoli, che potranno improvvisarsi pittori, i cui modelli saranno appunto i monti circostanti, che hanno ispirato questa meravigliosa e ben curata mostra! Castello Gamba - Località Cret-de-Breil | 11024 Chatillon | Valle d'Aosta www.castellogamba.vda.it Lo consiglio!
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Da non perdere il caratteristico centro storico dove possiamo trovare la Parrocchiale dedicata a S. Pietro. Venne ricostruita all’inizio del ‘900, e d è dotata di un campanile del XV secolo. Attiguo alla chiesa si trova il Museo di Arte... vedi tutto Sacra dove vengono custoditi antichi arredi. Merita una visita il Castello degli Challant, costruzione del XIII secolo, venne ristrutturato nel ‘700. Al suo interno conserva pregevoli affreschi quattrocenteschi.  
Voto complessivo 8
Guida generale : accogliente, punto di partenza per numerose escursioni
Voto complessivo 6
Guida generale : molto bella
Voto complessivo 7
Guida generale : Carina, comoda per raggiungere altri luoghi della Valle
Da non perdere Castello di Ussel
millo
Voto complessivo 10
Guida generale : Posizione ideale per visitare la Valle d'Aosta. In un attimo si raggiungono tutti gli impianti di risalita
Da non perdere Castello di Ussel
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,018017
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0460445
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0080076
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Chatillon

HotelSearch-GetPartialView = 0,0100099
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008





FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010009
DestinationListExperience-GetPartialView = 0,0020021
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0220209
JoinUs-GetPartialView = 0,0010013

Meteo Chatillon

Poco nuvoloso
18 °
Min 259° Max 2481°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0160154
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0,0010012
Footer-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008