×
Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Clicca qui per più informazioni o per negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Catanzaro  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0156263

Info su Catanzaro

Superfice:
112 km2
Altitudine:
320 m
Abitanti:
91028 [2013-12-31]
Introduzione

Catanzaro è il capoluogo regionale della Calabria, regione ricca di storia e tradizioni oltre che dalle spiagge mozzafiato. Seconda città più popolosa della Terra dei Bruzi, Catanzaro si trova in una posizione strategica quanto panoramica sul mar Ionio, sul Golfo di Squillace, nell'istmo omonimo, luogo in cui appena 30 km separano il mar Ionio e il mar Tirreno e dal quale è possibile ravvisare le isole Eolie.

Per tale motivo, Catanzaro, sita sulla striscia di terra più stretta d'Italia, è detta la "Città tra due mari". Ma il mare non è l’unico vanto di Catanzaro che si estende dal mare, con ben  km di spiaggia sullo Ionio, alla collina fino a 600 metri d’altezza: non a caso la Città è definita dei tre colli, gli stessi che ritroviamo nello stemma del Comune, ovvero il colle di San Trifone (San Rocco), il colle del Vescovado (Piazza Duomo) e il colle del Castello (San Giovanni). Famoso è il porto turistico che richiama frotte di visitatori.

Il clima di Catanzaro è mitigato dal mare ma, alla stregua, d’inverno si verificano delle nevicate, peculiarità della regione Calabra che, in molte zone, spazia dal mare alla montagna. A tal proposito, va ricordato che la Sila Catanzarese rientra nel Parco Nazionale della Sila, uno straordinario esempio di sistema di biodiversità. In particolare, la zona del Catanzarese è molto ventilata, un vento che d’estate rende le giornata piacevoli, anche le più calde. Di certo non si può dire che a Catanzaro l’acqua scarseggi come, del resto, in tutta la Calabria: i fiumi che d’estate sembrano essiccarsi, d’inverno assumono natura torrentizia, una particolarità che lascia stupiti coloro che non sono avvezzi a fenomeni naturali quali quelli delle fiumare.

Grande importanza ha acquistato l’arte della seta, a partire dall’epoca bizantina, fenomeno che ancora oggi è in parte avvolto nel mistero e rende la scoperta di questa regione ancora più interessante. Secondo alcuni, la stessa etimologia della parola Catanzaro, rimanderebbe ad attività svolte in un luogo segreto che alcuni hanno ricondotto alla zona sita oltre il fiume Zaro. Qui vi erano le perfette condizioni fini alla realizzazione della seta quali la vicinanza d’acqua, la presenza del sole e del vento, a partire dalla lavorazione della materia grezza. Grazie a questo luogo segreto, segreto come le invenzioni degli abitanti del luogo, si riusciva ad ottenere il prezioso filo.

Sotto il profilo storico-geografico, è interessante riflettere sui confini della provincia di Catanzaro che riprendono, in gran parte, quelli della Calabria Ulteriore Seconda, provincia del prosperoso Regno delle Due Sicilie, all’avanguardia su tutti i fronti, da quello culturale a quello industriale ed economico nonché commerciale.

Sotto il profilo economico, va sottolineata la natura del luogo geograficamente votata al turismo grazie alle splendide e spaziose spiagge oltre che agli impianti sciistici della Sila. Sviluppata è l’agricoltura: in particolare la zona è famosa per la produzione di clementine che vengono esportate in tutto il mondo e per la coltivazione del gelso praticata sin da tempi antichi. Vanno, poi, segnalati marchi quali Guglielmo Caffè, AZ spa (attinente al marchio Sidis per la regione Calabria), Telespazio Tv, RTC Telecalabria oltre allo sviluppo del settore terziario.

Anche dal punto di vista degli eventi Catanzaro non vi deluderà. Davvero particolare è la manifestazione intitolata Mirabilia che si tiene dalla seconda alla terza domenica di luglio e che prevede la sfilata del corteo storico con la cavalcata dei cavalieri della seta: un evento storico-rievocativo che permette a spettatori e curiosi di effettuare un viaggio nella storia, o meglio nell’identità storica grazie alla riproduzione di personaggi, fatti e tradizioni dell’antica Città di Catanzaro.

Da non perdere sono poi La Naca che si tiene il Venerdì Santo, la Giostra Cavalleresca della Perdonanza di San Giovanni Battista il 24 giugno a Simeri Crichi e la Giostra dell'Anello, a luglio, a Catanzaro. Particolari anche i tornei cavallereschi ai quali potrete assistere nella città di Catanzaro, di cui si hanno testimonianze già a partire dal 1749 che riproducono battaglie tra i quartieri della città: in questa occasione, svariati personaggi in veste di cavalieri effettuano prove di abilità che vi lasceranno a bocca aperta.

Non mancate, poi, di effettuare una visita al Teatro Masciari e al Teatro Politeama, inaugurato nel 2002. La cucina catanzarese è basata su piatti semplici preparati con ingredienti freschi con la particolarità di unire i prodotti del mare con quelli della montagna grazie alla posizione tra Mar Ionio e Sila.

Alla base di tutto vi è l’immancabile peperoncino, presente ovunque, dai piatti salati a quelli dolci, inserito persino nel cioccolato e nelle svariate preparazioni dolciarie. Origano e basilico la fanno da padroni e donano alla cucina del luogo il senso della genuinità. Il re della carne è il maiale al quale sono legati riti antichi, soprattutto per l’uccisione di quest’ultimo che avveniva, un tempo, in occasione di ricorrenze importanti quali matrimoni o nascite.

La ‘Nduja di Spilinga non ha bisogno di presentazioni: l’insaccato spalmabile preparato con carne di maiale e peperoncino ha risonanza mondiale. Il pesce è quello locale, soprattutto quello azzurro, dalle tante proprietà nutritive. Tante sono le conserve a base di alici, tonno e pescespada. Per quanto concerne i contorni, troviamo melenzane, zucchine, legumi vari, spesso a formare i cosiddetti piatti unici che un tempo saziavano anche i più poveri senza togliere gusto ai piatti: in questo ha avuto un ruolo fondamentale la patata della Sila.

Assolutamente da assaggiare sono i formaggi e i salumi, ottimi quelli silani. I dolci sono semplici, niente preparazioni con crema e panna, ma miele, pinoli e frutta secca come i Mustazzoli o la Pitta’nchjusa dalla particolarissima forma fatta da una sorta di roselline unite tra loro.

Tra le curiosità, oltre a Renato Dulbecco (1914), Premio Nobel per la Medicina e tante altre personalità illustri native del luogo, va detto che l’inventore del telaio Jacquard meccanico non è, come comunemente si crede, il francese Joseph-Marie Jacquard, bensì un calabrese di nome Giovanni che con la sua creazione ha rivoluzionato la produzione tessile del XIX secolo, sostituendo così i telai al tiro dove il tessitore necessitava di un aiutante. L’inventore del detto telaio, è colui che veniva comunemente chiamato Jean Le Calabrais ovvero Giovanni il Calabrese, che viveva a Lione nella seconda metà del ‘400. La sua invenzione, però, fu vista male da Luigi XI che invitò il giovane a corte, impaurito dall’innovazione che avrebbe destato scalpore. In seguito, il progetto fu ripreso dal francese Joseph Marie Jacquard che lo brevettò, ragion per la quale da lui esso prese il nome.

Il turismo catanzarese offre svariate possibilità a quanti decidono di soggiornare in zona. Si necessita di più e più giorni per cogliere i tanti aspetti della storia e delle tradizioni della Città di Catanzaro e dintorni, oltre che per visitarla data la sua grande estensione e ricchezza di elementi

Prefisso:
0961
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
catanzaresi
Patrono:
San Vitaliano da Capua
Giorno Festivo:
16 luglio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

16
Media
11
Ottimo
6
Bassa
4
Buona

Chi c'è stato

Tutti
9
Coppie
4
Giovani e single
2
Famiglie
2
Turisti maturi
2

Indicatori

Sicurezza
mangiare e bere
Accoglienza
Accessibilità
Attrattive
Alloggio
Servizi ai turisti
attività
shopping
convenienza
Intrattenimento
Trasporti
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0156263
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Catanzaro

Conosci Catanzaro? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Tra le principali attrattive artistiche di Catanzaro segnaliamo il bellissimo Duomo ricostruito dopo i devastanti bombardamenti del 1943, vanta origini molto più antiche: venne infatti eretto sullo stile della precedente cattedrale normanna. All'esterno il Duomo si presenta come una costruzione... vedi tutto piuttosto particolare. All'interno è possibile ammirare alcune opere sopravvissute ai terribili bombardamenti: il prezioso busto del patrono San Vitaliano, una tela raffigurante la Sacra Famiglia e la notevole tela di Di Tommaso di Squillace. Il Battistero è addossato alla chiesa quasi a formare un corpo unico. Qui possiamo ammirare alcune opere di Mattia Preti.Altro edificio cultuale è la Basilica dell'Immacolata ristrutturata tramite un grande ampliamento nel corso del XVIII sec., vanta origini più antiche. Oggi si presenta esternamente con una facciata neoclassica ed alto campanile. Internamente conserva alcuni notevoli affreschi raffiguranti l' Incoronazione di Maria e la Madonna adorata dai Santi.Da non perdere inoltre la Chiesa del SS. Rosario risalente al 1400 ma successivamente ristrutturata e impreziosita da nuovi stucchi. la facciata è stata realizzata nel XIX sec. in uno stile piuttosto austero.All'interno sono visibili alcune sculture come quella del Redentore, di fine '400, e quella raffigurante la Madonna con Bambino. Vi possiamo ammirare inoltre una tela dedicata alla Madonna del Rosario e dei Misteri, un' altra raffigurante i Santi Rosa e Domenico e il pregevole monumento funerario di Gaetano Rocca.
Marco
Voto complessivo 9
Guida generale : Città tranquilla immersa nel verde delle piante e degli alberi. La città ruota intorno al parco della biodiversità dove c'è sempre molta gente. Le persone sono sempre disposte a dare ogni tipo di consiglio. La città conta circa 95.000 abitanti... vedi tutto che si concentrano soprattutto a Catanzaro centro ma in estate il centro di questa città sembra spopolarsi perchè vanno quasi tutte le persone a Catanzaro lido. Posti da visitare sono sicuramente il parco della biodiversità,il museo MARCA,il castello normanno (del quale ormai rimangono pochi resti), il corso,piazza matteotti (con "il cavatore" una statua raffigurante il duro lavoro dei cittadini)dalla quale si può scorgere il ponte morandi, il 2 più grande in europa, ,il lungomare,le spiagge con i suoi maestosi lidi... e molto altro. Vicino la città, c'è il parco scolacium che contiene preziosi resti romani e grechi.Si mqngia bene e a poco prezzo. Un cibo tipico da provare è il morsello e la n'duja (che si legge "nduia ed è una salsa piccante)! VI AUGURO BUONA VISITA!!!!
rosalia gentile
Livello 44     1 Trofeo   
Voto complessivo 9
Guida generale : questa città su tre colli dove bisogna proprio voler andare , si lascia infatti l'autostrada Salerno Reggio Calabria allo svincolo Lametia Terme e bisogna percorrere ancora circa venti minuti di percoso sulla scorrimento veloce,ti accoglie con il superbo ponte sulla... vedi tutto Fiumarella da cui si può subito cogliere lo spirito"arroccato"dei suoi quartierie ammirare la mole delle mura del castello .La città, recententemnte oggetto di vari interventi in ambito urbano che ne hanno ridisegnato gli spazi , presenta il suo vero volto se si percorrono i quartieri della Grecìa,del Carmine,della Stella ,diSanta Maria di Mezzogiorno che permettono di cogliere l'animo ospitale e nobile dei catanzaresi.
giuseppe citriniti
Livello 25     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 10
Guida generale : Sicuramente da non perdere per chi viene per la prima volta in città è una visita al parco delle biodiversità contenitore ricchissimo oltre di tante specie naturali anche di tanta arte contemporanea inoltre è possibile fare una visita al MUSMI... vedi tutto museo storico militare. Da non perdere c'è anche il centro storico con le sue antiche chiese e la splendida villa regin a Margherita proprio alle spalle di palazzode nobili. Certamente catanzaro offre molto al centro ma anche la periferia ha qualche nota positiva infatti a sud si puó godere di una splendida passeggiata sul lungomare cittadino che si affaccia sul golfo di Squillace e a pochi passi dal quartiere marinaro vi è il parco archeologico di scolacium.
Da non perdere Orme nel Parco , parco e giardino storico
giuseppe citriniti
Livello 25     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 8
Guida generale : Catanzaro ha tante cose da vedere, una su tutte il centro storico con i suoi palazzi e la sua antica villa, poi ci sono i musei e le gallerie d'arte ma sicuramente merita moltissimo il parco delle biodiversità, il lungomare... vedi tutto artistico coni mosaici dell'architetto Mendini e la montagna che è facilmente raggiungibile. Da visitare anche il parco archeologico di Scolacium. Ci sono diverse feste spalmate in diversi periodi dell'anno e da non perdere anche la stagione teatrale.
Da non perdere MARCA - Museo delle Arti , Lungomare di Marina , parco e giardino storico
Stir Gius
Livello 25     3 Trofeo   
Voto complessivo 4
Guida generale : La città di Catanzaro è un'ottima destinazione per godere di una vacanza eccezionale che offre mare, montagna, clima mite. Si possono trovare anche bellissimi parchi naturali e archeologici, quali: Parco di Scolacium a Roccelletta e il parco della Biodiversità a... vedi tutto Catanzaro. Nella zona della Sila si possono trovare spiagge uniche, come quella di Catanzaro Lido, Caminia, Copanello, Squillace, Soverato e Villaggio Mancuso. La cucina tradizionale prevede piatti tipici e molto gustosi, quali: il MORSELLO, MELANZANE ... e tanto da scoprire.
Pietro
Voto complessivo 5
Guida generale : Una città tranquilla dove non c'è molto da fare, dalle dimensioni contenute. Angusto il suo centro storico. Interessante e rilassante il "parco della biodiversità". Il suo clima è generalmente mite, in modo particolare durante la stagione estiva. Ideale la sua posizione,... vedi tutto a pochi chilometri dalle rinomate spiagge di Copanello, Caminia, Pietragrande, Soverato ed a pochi chilometri dalla Sila.
Da non perdere teatro politeama , Escursioni localit&
gianni
Voto complessivo 5
Guida generale : Città con un passato da scoprire, anticamente culla della lavorazione della seta. I suoi artigiani erano molto richiesti fuori dai confini. Gode di una posizione baricentrica tra i monti della Sila (una delle poche foreste vergini d'Europa) ed il mare... vedi tutto (Ionio a 10" e tirreno a a 20"), ventilata e posizione panoramica. Da visitare il Complesso del Castello di S Giovanni.
Annarita Gregorace
Livello 14     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Città bellissima e mare splendido!! Gente ospitale nel complesso. Intrattenimenti di tutti i tipi: culturali, di svago, rilassanti eccetera... Il cibo è buono e salutare, i ristoranti mantengono prezzi accessibili. Servizio spiagga vario, ampia scelta di località marine. Non mancano mai eventi, dalle... vedi tutto sagre a concerti di personalità importanti come Enrico Brignano e i Modà... Da visitare.
Da non perdere Parco della Biodiversità Mediterranea , Villaggio Mancuso , Lungomare di Marina
Luna Piena
Livello 32     5 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici
Voto complessivo 7
Guida generale : Cittadina tranquilla,famosa per le tre "V" ovvero: vento,(essendo una zona piuttosto ventilata), velluto (nei tempi antichi si produceva velluto), Vitaliano (il santo patrono della città). Sorge su di un colle ma si estende anche fino a valle e alle spiaggie... vedi tutto particolarmente frequentate d'estate.Il clima è piuttosto mite.Nel centro storico è possibile degustare, nei locali tipici il piatto tipico cittadino "il morzello".
Da non perdere Parco della Biodiversità Mediterranea , Lungomare di Marina
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0312525

Altre Risorse

IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0,0312525
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0312526
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Catanzaro

HotelSearch-GetPartialView = 0,0156267
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Sole e Mare
Montagna
Enogastronomia
Arte e cultura
Verde e natura
Shopping
Mete per la famiglia
Sport
Studenti
Giovani e single
Mete romantiche
Avventura
Casino'
Cicloturismo
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0312525
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0,031253
JoinUs-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156258
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0