×
Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Clicca qui per più informazioni o per negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Arco  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0156263
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su Arco

Superfice:
63 km2
Altitudine:
91 m
Abitanti:
17161 [2014-06-30]
Introduzione

La posizione di Arco è da sempre stata tra i segreti della sua popolarità tra viaggiatori e turisti: qui, infatti, a nord della piana dell’Altogarda, si può godere di un clima molto mite, che permette ancora la coltivazione degli ulivi pur essendo in pieno Trentino.

Per questo da secoli Arco è una stazione di soggiorno molto nota, e la sua particolare caratteristica venne apprezzata fin da tempi antichissimi, come dimostrano i resti risalenti al Neolitico recuperati nella piana del fiume Sarca. Il simbolo di Arco è naturalmente il suo castello, che ha una storia piuttosto interessante. Secondo le più recenti interpretazioni, il castello risale al Mille circa, e un paio di secoli più tardi divenne proprietà della famiglia dei d’Arco.

Nelle epoche successive il Castello d’Arco, per via anche del ripido sperone roccioso su cui sorge e dal quale si può godere di una magnifica vista dell’area del Garda, si guadagnò la fama di essere inespugnabile, visto che nessuno dei tanti attacchi e assalti che conquistarono il borgo sottostante riuscì ad avere ragione anche sul castello, che venne anche ritratto dal grande Albrecth Dürer. Il castello andò incontro al suo declino intorno al Settecento, che venne bombardato dai Francesi fino ad arrendersi. Addirittura il vecchio complesso venne usato dagli abitanti del borgo come cava di pietra per riparare le case danneggiate dal bombardamento e per costruirne di nuove.

Arco fu nei secoli dominio di Visconti, Scaligeri e della Repubblica di Venezia, fino all’annessione all’impero austroungarico, entrando a far parte del Regno d’Italia solo alla fine della Prima Guerra Mondiale. Il turismo è oggi una delle principali attività ad Arco, proprio grazie al suo clima e alla bellezza del luogo; la pratica sportiva, molto diffusa soprattutto per quanto riguarda la vela, il windsurf, l’arrampicate e il free climbing, rendono Arco un vero paradiso per chi vuole una vacanza attiva ma allo stesso rilassante.

Arco vanta anche un fiorente artigianato, in particolare la lavorazione del legno da utilizzare per mobili e per arredamenti. Arco è una località molto attiva soprattutto d’estate ed è ricca di eventi legati alla pratica sportiva e non solo, con un calendario molto fitto tra concerti, passeggiate, spettacoli e così via. Nel resto dell’anno non mancano comunque appuntamenti fissi come Carnevalarco la settimana di Carnevale, il Trofeo Città di Arco Beppe Viola a marzo, la rassegna di concerti primaverile Pasqua Musicale Arcense. La Festa patronale di Sant’Anna si tiene ogni anno il 26 luglio.

Molti gli appuntamenti sportivi, tra i quali spicca il Rock Master, una delle più appassionanti competizioni di arrampicata, a settembre. Oltre a molti eventi legati alla vela, che praticamente da sempre è considerata una delle attività principali ad Arco per via delle condizioni ottimali del lago, ce ne sono anche dedicati alla montagna, come la Bolognano Velo, nel mese di luglio, una delle più rinomate gare di corsa in montagna.

I prodotti tipici di Arco sono quelli che il clima mite del lago di Garda permette di far crescere e prosperare, a partire dall’eccellente olio d’oliva, coltivato da secoli e con un gusto davvero unico; poi ancora vini, vin santo (ottenuto dall’uva Nosiola, fatta appassire fino alla pigiatura su graticci di legno durante la Settimana Santa), distillati, la tipica carne salada, il pesce di lago (come il coregone, il persico, il luccio, il carpione), la frutta, i marroni, i formaggi di malga, il miele (in particolare millefiori, acacia, castagno, tassaco, melata di abete) e così via.

In particolare è proprio la carne salada ad essere un’apprezzata specialità dell’area tra Arco, Tenno e Varone: è rinomata soprattutto perché è molto magra ma con un gusto eccellente. Viene ricavata dalla fesa di manzo e grazie a uno speciale processo viene resa aromatica e può essere consumata sia cruda, come perfetto antipasto, sia cotta, spesso accompagnata ai fagioli.

Prefisso:
0464
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
Arcensi
Patrono:
Sant'Anna e Gioacchino
Giorno Festivo:
26 luglio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

3
Buona
3
Media
2
Ottimo

Chi c'è stato

Tutti
4
Famiglie
2
Giovani e single
1
Coppie
1

Indicatori

Sicurezza
mangiare e bere
Servizi ai turisti
attività
Alloggio
Accessibilità
Trasporti
Intrattenimento
convenienza
Attrattive
Accoglienza
shopping
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0156262

Recensioni Arco

Conosci Arco? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Arrivando ad Arco è d’obbligo la visita al Castello, o a ciò che resta dell'antico maniero dei conti d'Arco. Il nome di Arco deriva infatti da "arx" che significa fortezza. Si hanno notizie certe che intorno ... vedi tutto all'anno Mille il Castello già esisteva. Esso era stato costruito dai 'nobili liberi' con finalità soprattutto difensive. Nel Quattrocento e poi nel Cinquecento i conti d'Arco si costruirono più comode residenze attorno alla piazza di Arco ed il Castello cominciò a conoscere il proprio declino. L'inizio dei XVIII secolo segna il totale declino del Castello. Dopo il Primo Conflitto Mondiale la parte del Castello appartenente al ramo germanico dei conti d'Arco venne incamerata dal demanio italiano che la assegnò inizialmente all'Opera Nazionale Combattenti. Nel 1927 la contessa Giovanna d'Arco, diventò l'unica proprietaria. Infine nel 1982 il Comune di Arco ha deciso l'acquisto del Castello e nel 1986 il Servizio Beni Culturali della Provincia Autonoma di Trento ha iniziato dei radicali lavori di restauro. Si può visitare ancora: la chiesa Collegiata, nella piazza Tre Novembre, nel centro ad Arco, che è uno dei monumenti più belli ed interessanti della città. Costruita nel Seicento, è possibile ammirare ancora nel suo interno numerose opere d’arte; il Palazzo Nuovo o Palazzo Giuliani – Marcabruni, del 1462, con portici che venivano utilizzati una tempo come luogo di pubblico giudizio e di incontro. Il palazzo attualmente appartiene in parte anche al Comune che vi ha collocato l’archivio storico; il Palazzo di San Pietro o Palazzo Marchetti di cui è difficile stabilire l’epoca di costruzione, ma di certo si sa che esisteva già alla fine del XV secolo. Questo Palazzo ha una forma a ferro di cavallo e una struttura architettonica molto prestigiosa. Infine ricordiamo: il Palazzo di Piazza o Municipio d’Arco, del 15825, un tempo residenza della famiglia d’Arco; il Palazzo del Termine o "della Lega", edificato per volere di Odorico nella seconda metà del Quattrocento. A partire dal XIX secolo il palazzo passò ad alcune famiglie di Arco e poi alla Lega dei Contadini locali. La struttura dell’edificio è a quadrilatero, e conserva, sia all’esterno che al suo interno, splendidi affreschi; il Palazzo dei Panni, in via Segantini, edificato verso la fine del Seicento da Giambattista d’Arco, ha una struttura molto importante ed elegante con soffitti a crociera, scale che salgono ai piani superiori e l’imponente portale con portico dell’ingresso.
Gianluigi Bolza
Livello 14     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 9
Guida generale : Luogo ameno ricco di storia dal clima eccezzionale. Situato nella parte alta del Lago di Garda dal quale ne riceve il clima mite in inverno ed il paesaggio è unico nel suo genere, a nord inizia il gruppo di Brenta.... vedi tutto Il castello domina la cittadina che si snoda appunto ad Arco attorno ad esso. Luogo sicuramente da visitare a piedi, in bici o cavallo o in barca a vela nel vicino lago di Garda. La parte storica della città offre passeggiate in vicoli ricchi di suggestione e particolarità architettoniche. E' l'olivaia il vero specchio della città, passeggiare sui sentieri tra gli olivi trasmette la serenità e la visione di un paesaggio singolare.
Da non perdere Il castello di Arco. , Il lago, la montagna e la collina. , L'olivaia con le sue passeggiate.
Veronica
Voto complessivo 9
Guida generale : Ottima per lo sport, arrampicata, running, gite in montagna), vitale e a due passi dal lago di Garda e dal trentino. Buoni i prodotti tipici, che si trovano anche nei piccoli supermercati sparsi per le viuzze della città. Splendido il castello... vedi tutto antico che sovrasta la cittadina.
osvaldo raffagli
Livello 24     4 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 8
Guida generale : Arco è una bella cittadine a pochi kilometri dal lago, molto tranquilla con un clima fantastico, si mangia e si beve molto bene l'accoglienza è di tutto rispetto. Arco è famosa nel mondo per il free climbing, ogni anno ci... vedi tutto sono eventi internazionali dedicati a questo sport. Moltissimi turisti stranieri scelgono Arco per la possibilità di fare escursioni in bike in tutta tranquillità e sicurezza essendoci kilometri di piste ciclabili. L'alto Garda è ottimo anche per la vela e per windsurf
Da non perdere cascate del varone , Castello di Arco
Matteo Anobile
Livello 49     3 Trofeo   
Voto complessivo 8
Guida generale : Una città classica del Trentino, con viette strette, mi ricorda un borgo medioevale umbro, da non perdere è il castello, salita irta circa di un quarto d'ora, ma la fatica ne vale la pena, il castello offre un panorama sensazionale,... vedi tutto con dei paesaggi mozzafiato.Non deve mancare un panino con lo speck!
Da non perdere Castello di Arco
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156263
IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0,0156262

Destinazioni vicine a Arco

DestinationListNear-GetPartialView = 0,0937576
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Arco

HotelSearch-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Sport
Montagna
Arte e cultura
Avventura
Cicloturismo
Enogastronomia
Mete per la famiglia
Mete romantiche
Terme e Benessere
Verde e natura
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0312526
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0,0312525

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156262
JoinUs-GetPartialView = 0

Meteo Arco

Sole e caldo
33 °
Min 211° Max 3633°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0