×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020017
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010012
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

Andria: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0040043
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0030026

Andria è una città che appartiene alla provincia di Barletta-Andria-Trani in Puglia, è tra le più grandi città italiane in termini di incremento demografico. Viene spesso chiamata "la città dei tre campanili", proprio perché ne contiene tre al suo interno. Andria fa inoltre parte dell’Associazione nazionale città dell’olio.

Ricca di cose da fare e da vedere, Andria ospita al suo interno un gran numero di monumenti, alcuni dei quali riconosciuti Patrimonio dell'Umanità UNESCO. Il territorio nella quale è immersa è molto suggestivo e particolare: la città è infatti situata esattamente sul pendio meridionale delle Murge e nei pressi di Andria vi è una forte depressione carsica, chiamata Gurgo.

Le prime tracce della città risalgono al neolitico, ma molto importanti furono i periodi storici che si alternarono successivamente, dal periodo Normanno e Svevo dove fu sottratta al dominio bizantino insieme a Trani, al periodo angioino e aragonese nei quali si succedettero numerose famiglie che impossessandosi di questi territori, lasciavano tracce culturali e monumentali. L’età contemporanea infine segnò profondamente la storia della città: nel corso della Prima guerra mondiale circa 800 andriesi perirono in battaglia, e dopo la Seconda guerra mondiale ci fu una rivolta contadina con scontri molto importanti.

A partire dagli anni Cinquanta si ebbe poi una progressiva ripresa economica favorita dalla linea ferroviaria Bari-Barletta che metteva in comunicazione Bari con i territori della Provincia. Città molto attiva dal punto di vista culturale svolge spesso anche degli interessanti incontri, mostre ed eventi aventi come denominatore comune la ricerca e la scoperta.

Il famoso CRB ovvero il Centro di ricerca agroalimentari Bonomo svolge ricerche a livello internazionale, supportati da altri enti di ricerca istituzionali in ambito di prodotti ortofrutticoli, freschezza dei prodotti locali, trasformazione e valorizzazione dei prodotti agroalimentari e riutilizzazione degli scarti della produzione alimentare.

Tra i numerosi eventi e manifestazioni presenti nel territorio ricordiamo in particolar modo il Festival Internazionale Castel de Mondi: si tratta di un evento particolare e di grande rilievo condotto in una settimana all’interno del Castel del Monte e in altri monumenti importanti della città dove si svolgono spettacoli di vario tipo e spesso in contemporanea tra loro.

Vi è poi il Festival Internazionale del cortometraggio “Cortolandria”, un evento culturale conosciuto e apprezzato in tutta Europa ma anche negli Stati Uniti, in nord Africa e in America Latina; il Festival della musica classica “Farinelli”, il Festival Suoni dal Mediterraneo con artisti folk provenienti da tutto il mondo; non manca inoltre il concorso dei cuochi chiamato Qoco, il Biol ovvero il concorso internazionale tra oli extravergini, il carnevale di Andria ed infine anche la Festa patronale di San Riccardo d'Andria, che si tiene la terza domenica di settembre.

La cittadina di Andria è stata il set cinematografico di numerosi film e documentari come Non me lo dire del 2014, il racconto dei racconti Tale of Tales di Matteo Garrone del 2015, ed infine King Arthur.

La cucina e la gastronomia di Andria sono molto caratteristiche e tipiche della zona: ci sono prodotti legati al territorio che sono strettamente correlati alla città, dal vino DOC Castel de Monte alla burrata, il fungo, le zeppole, le cartellate, le pettole e le burrate. Tra i piatti tipici e locali maggiormente apprezzati da non perdere le cicorielle, le rinomate cime di rapa che compongono gustosi piatti a base di verdure e usate anche per condire la pasta rigorosamente lavorata a mano. I lampascioni abbinati alla carne di agnello e il pesce azzurro, crostacei e molluschi alcuni tradizionalmente consumati “a crudo”. Le campagne andriesi sono ricche di oliveti, talmente ricchi di frutti da riuscire da soli a produrre tanto olio quanto l’intera Toscana.

Prefisso:
0883
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
andriesi
Patrono:
Riccardo di Andria
Giorno Festivo:
Terza domenica di settembre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0130123
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Andria

Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : La città di Andria è ricca di monumenti ed edifici storici che sono indissolubilmente legati alla storia della città. Tra i più importanti ricordiamo: la Cattedrale, dedicata a Santa Maria Assunta e risalente all’epoca normanna, che è stata ricostruita ed ampliata... vedi tutto in stile tardo – gotico (sec. XV – XVI) per volontà del duca Francesco II Del Balzo, dopo la distruzione del 1350 (qui sono state sepolte due mogli dell'imperatore Federico II: Jolanda di Brienne, morta nel 1228 mentre da alla luce Corrado IV, e Isabella d'Inghilterra, deceduta a Foggia nel 1241);  la Chiesa di sant'Agostino, edificata nel XIII secolo (probabilmente dai Cavalieri Teutonici) e successivamente ricostruita dagli Agostiniani dopo l’assedio del 1350, che presenta uno splendido portale gotico interamente scolpito, stato dichiarato monumento nazionale; la Chiesa di San Domenico, costruita nel 1398 in stile gotico, ma da  anni chiusa per restauri e che in sagrestia conservava il busto marmoreo del Duca Francesco II Del Balzo, di squisita fattura umanistico – rinascimentale, opera dell’insigne scultore Francesco Laurana (sec. XV), oggi conservato nella Curia Vescovile; il Palazzo Ducale, edificato, secondo la tradizione, sui resti di un’antica costruzione fortificata di origine medioevale, che divenne residenza di Conti e Duchi, e soprattutto dei Carafa; la Porta di sant'Andrea, l’unica rimasta delle quattro che davano accesso al centro storico di Andria; il Santuario della Madonna dell'Altomare, edificato nel 1875 sull'antica laura di S. Sofia; il Santuario della Madonna dei Miracoli, a due km dal centro cittadino, che consta di tre chiese sovrapposte, di cui quella intermedia, detta del Crocifisso, del XVII secolo, è stata restaurata nel 2008 riportando allo splendore originario gli affreschi che raffigurano profeti, sibille e scene della Passione. A 18 km. dal centro abitato di Andria, sorge Castel Del Monte, che domina su una collina della Murgia a 540 m.s.l.m. Castel Del Monte è una corona di pietra ottagonale con agli spigoli otto torri ottagonali che nel 1996 è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco. Nel Castello è presente una grande commistione di stili: gotico, romanico-pugliese ed arabo-normanno, quasi a voler ricordare le diverse culture di Federico II (germanica, araba, italica).
Gianluca Bruno
Livello 0     0 Trofeo   
Voto complessivo 4
Guida generale : La città di Andria è ricca di monumenti ed edifici storici che sono indissolubilmente legati alla storia della città. Tra i più importanti ricordiamo: la Cattedrale, dedicata a Santa Maria Assunta e risalente all’epoca normanna, che è stata ricostruita ed... vedi tutto ampliata in stile tardo – gotico (sec. XV – XVI) per volontà del duca Francesco II Del Balzo, dopo la distruzione del 1350 (qui sono state sepolte due mogli dell'imperatore Federico II: Jolanda di Brienne, morta nel 1228 mentre da alla luce Corrado IV, e Isabella d'Inghilterra, deceduta a Foggia nel 1241); la Chiesa di sant'Agostino, edificata nel XIII secolo (probabilmente dai Cavalieri Teutonici) e successivamente ricostruita dagli Agostiniani dopo l’assedio del 1350, che presenta uno splendido portale gotico interamente scolpito, stato dichiarato monumento nazionale; la Chiesa di San Domenico, costruita nel 1398 in stile gotico, ma da anni chiusa per restauri e che in sagrestia conservava il busto marmoreo del Duca Francesco II Del Balzo, di squisita fattura umanistico – rinascimentale, opera dell’insigne scultore Francesco Laurana (sec. XV), oggi conservato nella Curia Vescovile; il Palazzo Ducale, edificato, secondo la tradizione, sui resti di un’antica costruzione fortificata di origine medioevale, che divenne residenza di Conti e Duchi, e soprattutto dei Carafa; la Porta di sant'Andrea, l’unica rimasta delle quattro che davano accesso al centro storico di Andria; il Santuario della Madonna dell'Altomare, edificato nel 1875 sull'antica laura di S. Sofia; il Santuario della Madonna dei Miracoli, a due km dal centro cittadino, che consta di tre chiese sovrapposte, di cui quella intermedia, detta del Crocifisso, del XVII secolo, è stata restaurata nel 2008 riportando allo splendore originario gli affreschi che raffigurano profeti, sibille e scene della Passione. A 18 km. dal centro abitato di Andria, sorge Castel Del Monte, che domina su una collina della Murgia a 540 m.s.l.m. Castel Del Monte è una corona di pietra ottagonale con agli spigoli otto torri ottagonali che nel 1996 è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco. Nel Castello è presente una grande commistione di stili: gotico, romanico-pugliese ed arabo-normanno, quasi a voler ricordare le diverse culture di Federico II (germanica, araba, italica).
Da non perdere Castel del Monte
francesco
Voto complessivo 2
Guida generale : Mi dispiace che non ti sia piaciuta Andria, non so in realtà cosa hai visitato ma di monumenti non c'è solo il Castel del Monte ma anche tante chiese dell'800 ed anche il Palazzo Ducale, il museo del confetto e... vedi tutto fra poco anche la nuova villa comunale, per chi non lo sapesse, che credo e spero sarà un vero gioiello verde della nostra città. A mio parere non è neanche noioso il soggiorno ad Andria visto le tante manifestazioni svoltesi in piazza. Il mio è un invito a trascorrere qualche giorno in generale in Puglia ma in particolare ad Andria che è una città che merita molto e leggendo un altro giudizio che allarmava tutti sulla sicurezza in città mi sento in dovere di informare i possibili turisti che il comune ha provveduto ad incrementare il numero delle forze dell'ordine ed a fornire la città di un impianto di videosorveglianza in vari punti della città. Spero che tutto questo appena elencato possa incrementare il numero dei turisti in città. Non dimenticate, venite a visitare le bellezze della città di Andria.
mario
Voto complessivo 10
Guida generale : Che dire... amo la mia città e come tutte le cose che amiamo per davvero, vanno condivise! Il Centro Antico, le sue stradine, i lastroni di pietra... le chiese rupestri, le basiliche, la villa comunale ma soprattutto la sua gente, le... vedi tutto radici contadine, l'estro degli artigiani, la solidarietà delle tante organizzazioni sociali e infine le tante prelibatezze culinarie: dagli strascinati fatti in casa alle cime di rapa, dallo straordinario olio extra/extra vergine di olive agli inebrianti vino rosso e rosato. Non dimentichiamo la mozzarella, la ricottina e l'unica e inimitabile burrata di Andria. Ogni aggettivo diventa inutile, ogni descrizione superflua: vieni a trovarci!
Da non perdere Castel del Monte , Cattedrale
salvatore
Voto complessivo 8
Guida generale : ANDRIA E' LA MIA CITTA' ANCHE SE L'HO TRADITA PER ALTRA CITTA'. MERITA DI ESSERE VISITATA PER LA SUA ENORME STORIA MOLTO LEGATA ALLA VITA ED ALLE VICENDE DI FEDERICO II DI SVEVIA ED ALLA SUA FAMIGLIA. E' DETTA LA... vedi tutto CITTA' DALLE CENTO CHIESE. DAI SUOI MONUMENTALI CAMPANILI (SAN DOMENICO, SAN FRANCESCO E LA CATTEDRALE CHE SONO VISIBILI DA OGNI PARTE SI GIUNGA AD ANDRIA. E' LA PATRIA DELLE MOZZARELLE, DELLE BURRATE CHE L'ANNO RESA FAMOSA NEL MONDO (SPEDITE IN GERMANIA, INGHILTERRA E FRANCIA DA OLTRE MEZZO SECOLO). E' AL CENTRO DI UN TERRITORIO VASTISSIMO DOVE SI PRODUCE OLIO DALL'OLIVA CORATINA, FORSE IL MIGLIORE AL MONDO E DI CUI NE E'LA MAGGIOR PRODUTTRICE IN ITALIA. MERITA UN CENNO ANCHE L'UVA CHE VI SI PRODUCE (IN PARTICOLARE L'UVA DI TROIA) E MERITANO UNA VISITA PER GLI APPASSIONATI ENOLOGICI ALLE CANTINE VINICOLE (AD ESEMPIO RIVERA O SPAGNOLETTI) ED AI CENTO (UNA VOLTA) FRANTOI. LA GASTRONOMIA NON E' SECONDA A NESSUNO. LE BRASCIOL 'D CAVADD, I CARDONCELLI DELLA MURGIA (PURTROPPO SEMPRE PIU' RARI A CAUSA DELLA COLTIVAZIONE DI QUELLE TERRE (MONTE CACCIA, CASTEL DEL MONTE), LE RINOMATE CIME DI RAPE E DELLE CONNESSE ORECCHIETTE, GLI STRASCINATI SONO UN PO' DIVERSI). DA VISITARE IN CITTA' E FUORI: LA CATTEDRALE, LE CHIESE DI SAN DOMENICO, SAN FRANCESCO, SAN NICOLA, I SANTUARI DI SANTA MARIA DEI MIRACOLI (FUORI PORTA), SS.MO SALVATORE E SANTA MARIA DEL CARMELO, TUTTE CHIESE RICCHE DI FASCINO E DI STORIA). DEGNE DI VISITA E DI PARTICOLARE ATTENZIONE, IL CASTEL DEL MONTE, ESOTERICO E FASCINOSO COME IL SUO COSTRUTTORE (L'IMPERATORE FEDERICO II DI SVEVIA ED INFINE LA VILLA COMUNALE, PREZIOSA E RICCA DI CENTINAIA E CENTINAIA DI VARIETA' DI PIANTE CHE LE HANNO MERITATO LA DENOMINAZIONE DI ORTO BOTANICO A CARATTERE CULTURALE E SCOLASTICO. INOLTRE IL MONUMENTO AI CADUTI, CON IL SUO GIARDINO RICCO DI PIANTE RARE E BEN CURATE E DI ANGOLI ACCATTIVANTI PER I GIOVANI DESIDEROSI DI UN PO' DI PRIVACY. INFINE, PERCHE' NO, LA PINETA CHE FA CONTORNO, COME PURE LA VILLA COMUNALE, ALLO STADIO DI CALCIO IL CUI INGRESSO PRINCIPALE E CARATTERIZZATO E RESO IMPONENTE DALLA LETTERA M IN PIETRA, DI MUSSOLINIANA MEMORIA.
Da non perdere Castel del Monte
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Andria è un città di oltre 98.000 abitanti in provincia di Bari, a 150 m.s.l.m. e a pochi km. dalle coste adriatiche. Dal 2004 è co-capoluogo della sesta provincia pugliese, insieme alle città di Trani e Barletta che sarà operativa... vedi tutto dal 2009. Leggendarie ed incerte sono le origini di Andria. Fu Pietro Il Normanno, Conte di Trani, a fondare la città, elevandola a Civitas e cingendola di mura verso il 1046. La città fu dominio normanno sino a quando il Regno di Puglia e di Sicilia passò nel sec. XII agli Svevi, la cui storia, in particolare quella di Federico II, è strettamente legata a quella di Andria: nella cripta della cattedrale furono infatti sepolte due delle sue mogli, Jolanda di Brienne e Isabella d’Inghilterra. Ad Andria inoltre, nacque l’imperatore Corrado IV. Dopo la sconfitta e la morte di Manfredi a Benevento, nel 1266, Andria, passata agli Angioini, divenne Contea e, sotto Francesco I Del Balzo, assunse il titolo di Ducato. Dal 1552 fu governata dai Carafa, che l’acquistarono insieme a Castel del Monte per 100.000 ducati. Oggi Andria è una vivace cittadina, ricca di industrie e di attività commerciali, ed è inoltre meta di numerosi turisti durante tutto l'anno specialmente a Castel del Monte . Patrono della città è San Riccardo,  festeggiato il 23 aprile, nell’anniversario del ritrovamento delle sue ossa  nel 1438 ad opera di Francesco II Del Balzo che per l’occasione istituì una fiera, dal 23 al 30 aprile di ogni anno,  che si tiene ancora oggi; il 9 giugno, festa liturgica; mentre la festa patronale ricorre la terza domenica del mese di settembre.
Michele Muraglia
Voto complessivo 4
Guida generale : Bella realtà pugliese, capoluogo della provincia Barletta/Andria/Trani, città con più di 100mila abitanti...città famosa per la burrata e capitale indiscussa dell'olio extravergine...per gli enogastronauti un vero paradiso, diverse le cantine storiche presenti nel territorio, da un punto di visto artistico... vedi tutto consiglio vivamente le molteplici chiese medioevali.
franca giorgino
Livello 9     1 Trofeo   
Voto complessivo 9
Guida generale : Maestoso il famoso castel del monte di federico II di svevia. Vi consiglio casa vacanza VILLA FRANCA in andria dove si respira l'aria fresca e incontaminata da smog nella murgia. La sua posizione e' strategica perché in un raggio d'azione... vedi tutto che va dai 10 km ai 60 km si possono visitare le città più belle con la loro storia
Da non perdere Castel del Monte , Cattedrale
annamaria
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con amici
Voto complessivo 6
Guida generale : vorrei che andria possa essere piu' considerata ci sono dei punti di andria che sono ancora da ristrutturare ad esempio la nostra villa comunale doveva essere un punto di riferimento per i turisti in quanto avrebbe bisogno di una bella... vedi tutto rimodernata c' e' bisogno anche di piu' attrattive per i giovani visto che si spostano verso trani perche' qui nn trovano niente.........spero che si faccia di piu' per andria
riccardo antolini
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici, Da solo, Con la famiglia
Voto complessivo 7
Guida generale : Castel del Monte e i suoi dintorni, con un giro per la Murgia, visita a qualche masseria e una sosta gastronomica a Montegrosso (la trattoria Antichi sapori è ben conosciuta ed è sempre piena: meglio prenotare). In città visita del... vedi tutto Centro antico, Cattedrale, S.Francesco, S.Nicola, S.Agostino, Porta Santa, Palazzo Ducale (solo esterno, purtroppo!). Museo del confetto (in centro storico nei pressi della Cattedrale).
Da non perdere Castel del Monte , Cattedrale
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,02102
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0550528
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Andria

HotelSearch-GetPartialView = 0,0110107
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0020021

Cosa visitare

AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0250234
JoinUs-GetPartialView = 0,0010008
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0170167
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
Footer-GetPartialView = 0,0020017
AdvValica-GetPartialView = 0