×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Agnone: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Agnone si trova nella parte settentrionale della provincia di Isernia, a circa 800 metri sul livello del mare e in un contesto in gran parte montuoso, con grandi foreste, praterie e radure, torrenti e una ricca flora, tra querce, pini, pioppi e abeti. Con un clima molto freddo durante l’inverno, con frequenti nevicate, Agnone è un tipico borgo montano molisano.

Agnone ha una storia molto antica, visto che secondo gli studi proprio qui sorgeva Aquilonia, l’antica città del Sannio che i Romani, comandati da Lucio Papirio Cursore, conquistarono con una grande e fondamentale vittoria nel 293 avanti Cristo. A rendere più probabile l’identificazione, i numerosi ritrovamenti archeologici qui e nelle zone immediatamente limitrofe, come la stele funeraria di Vibia Bonitas, conservata oggi nel Teatro Italo Argentino. Agnone divenne un centro importante durante la dominazione longobarda, ma intorno all’anno Mille era in decadenza; fu la potente famiglia veneziana dei Borrello a portare sul luogo soldati e artigiani da Venezia, o ancora più probabilmente dalle colonie dalmate della città. Molto di Agnone, infatti, tradisce una fondazione o una rifondazione di stampo veneziano, come testimoniano le numerose statue raffiguranti il Leone di San Marco e la presenza della chiesa di San Marco Evangelista. Agnone passò poi agli angioini e agli aragonesi; poi, originariamente abruzzese, con il governo di Gioacchino Murat fu richiesto di passare al Molise. In quest’epoca Agnone era una città fiorente, che poteva vantare un gran numero di attività commerciali e la presenza di numerosi intellettuali e letterati, tanto da guadagnarsi l’appellativo di “Atene del Sannio”. I secoli successivi videro però un progressivo accentuarsi del fenomeno dell’emigrazione, che ancora continua.

Oggi Agnone ha sviluppato un turismo basato soprattutto sull’offerta agrituristica e sugli sport equestri, ma l’attività commerciale più celebre del paese è indubbiamente la Fonderia Marinelli, che dal Medioevo produce campane per le più importanti chiese d’Italia e del mondo ed è l’unica attività di questo tipo a potersi fregiare del marchio pontificio per i propri prodotti. Tra le più note, quelle per l’abbazia e la cattedrale di Montecassino, e la “Giovannea”, la campana del Giubileo 2000, voluta da Papa Giovanni Paolo II.

Tra le tradizioni più tipiche di Agnone c’è la celebre “‘ndocciata”, il più grande rito di fuoco che si conosca, una sfilata di gigantesche fiaccole costruite con tronchi d’abete che si muove lungo il corso del paese. Si tiene ogni anno il 24 dicembre e ha origine molto antiche, visto che pare che gli stessi Sanniti utilizzassero le “‘ndocce” come torce durante i loro spostamenti tribali. Si tratta di un rito molto suggestivo che nei secoli si è colorato dei più diversi significati, tanto che è stato anche considerato come apotropaico contro le streghe; di sicuro porta su di sé parte degli antichissimi rituali per segnare il solstizio d’inverno. Queste grandi torce, che possono essere singole o multiple fino a 20 fuochi, vengono portati da rappresentanti delle cinque contrade coinvolte, ovvero Capammonde e Capabballe, Colle Sente, Guastra, Sant’Onofrio e San Quirico. Centinaia di portatori di torce in abito tradizionale, con le caratteristiche cappe, sfilano illuminando con una scia di fuoco l’interno paese, mentre gli zampognari fanno da accompagnamento. Dopo varie manifestazioni, tra cui quelle che premiano la ‘ndocciata più bella e suggestiva, il tutto si conclude con un grande falò detto “Falò della Fratellanza”, vicino al presepe di Piazza Plebiscito. Spesso la ‘ndocciata viene anche organizzata fuori da Agnone in occasioni particolari, ad esempio nel 1996 per celebrare il 50° anniversario del sacerdozio di Giovanni Paolo II, per salutare a Campobasso il passaggio della torcia olimpica nel 2006 prima dei Giochi invernali di Torino, o durante l’Expo 2015 milanese, lungo la Darsena del capoluogo.

 

Prefisso:
0865
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
agnonesi
Patrono:
San Cristanziano
Giorno Festivo:
13 maggio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Agnone

carlo di pietro
Voto complessivo 10
Guida generale : La città di Agnone, situata in Molise, provincia di Isernia, offre una sorpresa piacevole per chi va a visitarla. La strada statale che da Isernia porta ad Agnone attraversa paesaggi incontaminati, boschi, attraversa colline con animali al pascolo, quindi si... vedi tutto raggiunge la città. Agnone è famosa per la Fonderia Marinelli, fabbrica di campane più antica del mondo, e la fonderia è anche sede del museo delle campane. Ma Agnone non è solo campane, ha tantissime chiese di ogni epoca e in quella principale vi sono sculture dei Dupre, dove si sosta volentieri per ammirarle. Inoltre vi sono squisitezze da gustare, mozzarelle, caciocavalli fatti con latte locale e che hanno un gusto particolare. Infine vi è la sede di una Pro Loco molto attiva che si mette a disposizione dei visitatore, che fornisce notizie sulla città. Però la chicca di Agnone è la 'NDOCCIATA un fiume di fuoco che viene portato (torce) a spalla da oltre un centinaio di portatori, spettacolo unico e molto suggestivo che si tiene a Dicembre.
Da non perdere LA RAMERA
antonella petti
Livello 39     5 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 5
Guida generale : Da non perdere il museo delle campane, dove un tour vi illustrerà tutta la lavorazione delle più importanti campane che questa famosa e antica fonderia ha prodotto per le chiese di tutto il mondo, compresa quella dell'ultimo giubileo. Il tutto... vedi tutto introdotto da un filmato che mostra appunto la costruzione delle campane stesse come avviene oggi, esattamente come secoli fa. Il tour finisce con un brano che vi suoneranno con campane di diversa tonalità.
Da non perdere museo delle campane
Voto complessivo 6
Guida generale : Non sono stata molto bene ed ho trovato una ospitalità eccezionale
giuliano
Voto complessivo 9
Guida generale : Se siete amanti del mangiare bene e della natura questo è il posto che fa per voi. È ad un paio di ore da Napoli e facilmente raggiungibile in auto. In particolare è un posto bello da visitare sia in... vedi tutto estate sia in inverno. Stupendo!
antonelladeangelis
Livello 9     1 Trofeo   
Voto complessivo 9
Guida generale : agnone è una città dove si torna sempre volentieri; gli agnonesi sono persone ospitali e disponibili, il cibo è ottimo, l'aria è respirabile ed è sicuramente il posto ideale per ricaricarsi e ritemprarsi.
nicola
Livello 1     0 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 1
Guida generale : Paese stupendo con le sue innumerevoli chiese ed il famoso museo delle campane. Gastronomia, prodotti locali fantastici dal caciocavallo alle scamorze etc. Ne vale proprio la pena andare a visitare questo paese che si trova nell'alto Molise, presto ci tornerò.
Da non perdere chiese
Gabriele Di Menna
Voto complessivo 5
Guida generale : Bellissimo paese
Da non perdere Museo del Rame , Centro storico , Belvedere Ripa
flora
Voto complessivo 4
Guida generale : meravigliosa, accogliente
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

Cosa visitare

AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156249
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0