×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0030029
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0

Vipiteno: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010013

La città di Vipiteno ha una spiccata vocazione turistica, vuoi per il territorio in cui è immersa, vuoi per la sua storia, segnata, in particolare, dalla cultura di stile italiano e da quella di stampo tedesco. Non a caso, infatti, la città rientra nel circuito de I borghi più belli d'Italia.

Sono tanti i possibili itinerari ai quali legare il comune di Vipiteno, all’interno di un tour: troviamo, ad esempio, le cascate di Stanghe, ubicate nel territorio tra la valle di Racines e la val Ridanna, ma anche il Castel Wolfsthurn sito nella frazione di Mareta e il cosiddetto Museo provinciale delle miniere presso la zona detta Masseria (Maiern).

La posizione fa della località un paradiso per gli sciatori e per gli amanti dello sport su neve e ghiaccio in generale. Ricordiamo, infatti, che Vipiteno è delimitata ad ovest dalle Alpi Breonie (dello Stubai), ad est, invece, dalle Alpi dello Zillertal e, nella parte meridionale, dalle Alpi Sarentine.

Il comune è segnato dalla presenza di due corsi d’acqua: l’Isarco e il Rio Ridanna, esteso com’è ai confini della valle Wipptal a sud. Interessante è la commistione e convivenza tra i retaggi italiani e quelli tedeschi, tant’è che in zona si parlano sia la lingua italiana che quella tedesca. Lo stesso vale in ambito culinario dove prodotti quali i crauti si accostano a burro, yogurt e montone.

Tra i simboli legati a Vipiteno ricordiamo colui che, secondo la leggenda, avrebbe fondato la città ovvero il pellegrino storpio che, in alcune raffigurazioni, diviene un monaco. Secondo alcuni studiosi, è da questo personaggio che deriverebbe lo stesso nome di Vipiteno, mentre secondo altri l’anziano sarebbe legato ai tre ospizi che un tempo erano presenti nel territorio.

Altro simbolo della regione è, senza alcun dubbio, costituito dalla Torre delle Dodici che divide la Città Nuova (Neustadt) dalla Città Vecchia (Altstadt). La costruzione terminata nel 1472 è alta ben 46 m. La guglia presente in origine, andata distrutta a causa di un incendio avvenuto nel 1867, è stata sostituita con l'attuale tetto in pietra recante un motivo merlato.

Tra gli edifici da visitare rientra l’Antica Commenda dell'Ordine Teutonico situata nei pressi della Chiesa Parrocchiale che comprende il Museo Civico, il Museo Multscher, la Chiesa di Santa Elisabetta, l'Istituto Musicale e la sede della Bürgerkapelle Sterzing ovvero la banda musicale della città di Vipiteno.

Nel caratteristico centro storico si apre la Piazza Città, dove si erge la più antica chiesa di Vipiteno, la Chiesa del Santo Spirito risalente al XIV secolo. Notevole è poi la Chiesa parrocchiale di Nostra Signora della Palude, mentre sempre tra gli edifici religiosi trova spazio la bella Cappella dei Santi Pietro e Paolo situata nella residenza Jochlsthurn in via Frundsberg.

Nel Museo Civico troverete una collezione di carte geografiche e documenti d'epoca, oltre ad un’area dedicata all'artigianato locale. Nell’esposizione allestita presso il Museo Multscher, ci sono tavole dell'altare gotico, costruito da Hans Multscher per la Chiesa Parrocchiale.

Altro edificio peculiare, in particolare per la sua pianta ottagonale, è la Chiesa di Santa Elisabetta edificata su progetto di Giuseppe Delai e che presenta la volta affrescata da Matthäus Günther raffigurante la santa. Gli appassionati di artigianato faranno bene a fare un salto presso la Stele di Mitra, museo dedicato all’intagliatore tedesco di altari lignei Hans Multscher.

Se cercate souvenir da portare a casa con voi, andate alla ricerca di prodotti tipici della gastronomia locale, ma anche di abiti e lavori d’artigianato: famose sono le statue in marmo. Tenete presente che Vipiteno si presenta quale vivace centro commerciale in particolare per la sua posizione geografica strategica poiché posto tra i passi del Brennero, del Giovo e di Pennes.

Gli amanti della vita notturna potranno, in particolare, recarsi in tre locali a Vipiteno, non dimenticando gli après-sci presso gli impianti sciistici in inverno e le feste di piazza in estate. Come dicevamo, consigliamo il Bar 12erl sito in Piazza Città, il Bar Flammenschenk e il Derby Club & Restaurant, discoteca, steak house e pizzeria. In queste location potrete bere qualcosa in compagnia dopo aver mangiato. La cena qui viene, infatti, consumata in prima serata. Se avete voglia di mangiare un boccone, tenete presente che alle 21.00 chiudono le prenotazioni la maggior parte dei locali. Da non perdere i mercatini di Natale, puntuali ogni anno.

Consigliamo di fare un salto a Kronenkeller, in via città vecchia. Il locale offre la possibilità di degustare piatti tipici in un ambiente molto particolare, ubicato nel sottosuolo, in una grotta. Gli amanti del verde non resteranno a bocca asciutta. Sono davvero tanti, infatti, gli itinerari possibili per coloro che amano l’escursionismo. In particolare, menzioniamo la possibilità di escursioni al Monte Cavallo.

Non perdete le cascate di Stanghe nei pressi di Racines, vicino a Vipiteno, site tra la Val Ridanna e la Valle di Racines: esse si trovano nella gola di Stanghe. Il rio Racines ha nel tempo scavato molti percorsi sotterranei, anche nel marmo bianco, divenendo quello che è oggi, ovvero un torrente. La gola è molto singolare per il contrasto di colori che offre, dal nero della parte superiore al verde dei riflessi che ne derivano. Il sito è visitabile nel periodo caldo e si impiega circa un’ora e mezza per l’intero percorso turistico.

Chi giunge nel comune di Vipiteno per lo sport, potrà praticare hockey sul ghiaccio, sci, slittino. In particolare, l’area sciistica del Monte Cavallo ha la pista per slittini più lunga d’Italia, lunga circa 10 km.

Non preoccupatevi per i trasporti. Gli impianti sciistici sono raggiungibili con facilità dai centri storici della regione, alcuni addirittura a piedi. Il centro si gira con facilità senza bisogno di mezzi pubblici. Inoltre, la città di Vipiteno è ben collegata mediante l'autostrada A22 e la linea ferroviaria del Brennero. A Bolzano si giunge solitamente mediante la valle Isarco. Tenete presente, inoltre, che la stazione di Vipiteno Val di Vizze è posta lungo la linea Brennero-Bolzano.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0060055

Attività

Attrattive

Divertimenti

AttractionFilter-GetPartialView = 0,0130128
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0010009

Cosa vedere secondo voi



14 risultati filtrati per:
Rank 1# di 14
13 Voti
Rank 2# di 14
11 Voti
Rank 3# di 14
Rank 4# di 14
7 Voti
Rank 6# di 14
Rank 8# di 14
4 Voti
Rank 10# di 14
2 Voti
AttractionList-GetPartialView = 0,1651585
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0010009
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0,0050047

Cosa vedere vicino a Vipiteno

AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0,0110106
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0020022

Cerca offerte a Vipiteno

HotelSearch-GetPartialView = 0,0110102
ItineraryListSmall-GetPartialView = 0,0020021

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Vipiteno
GuideList-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0,0020022
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
Footer-GetPartialView = 0,002003
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009