×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,003003
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

La porta della penisola sorrentina a Vico Equense  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0020017
Valutazione Generale
  
Rank 4# di 23
Numero votazioni 2
AttractionDetailTopContainer-GetPartialView = 0,0070073
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0
MapSinglePin-GetPartialView = 0,0010008
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni La porta della penisola sorrentina

Scrivi una recensione su La porta della penisola sorrentina
Livello 7     0 Trofeo   
Voto complessivo
Vico Equense è il biglietto da visita della Penisola Sorrentina. Un territorio variegato di mare e montagna che dalle ampie spiagge più volte insignite della ambita “Bandiera Blu” raggiunge i 1400 del massiccio del Monte Faito. Vico Equense sorge sul... vedi tutto luogo dell’antica Aequa, da cui scaturisce il nome attuale, su un blocco tufaceo che copre un lungo tratto della costiera. Un po’ di storia Qui si sono susseguite le civiltà italiche, etrusca e romana. Le prime testimonianze archeologiche di un insediamento sul territorio di Vico Equense risalgono al VII secolo a.C. Sono infatti stati rinvenuti, soprattutto negli scavi degli anni '60, numerosi manufatti provenienti dalla necropoli preromana che sorgeva nei pressi dell'attuale centro cittadino. In seguito l’area di Vico Equense divenne residenza di patrizi romani, come attestano i ruderi alle Marine di Aequa e di Vico. Nel 533 fu distrutta dai Goti, e ribattezzata con il nome di Vicus Aequanensis. Nel medioevo Carlo II d’Angiò la denominò Borgo dei Cavalieri. Durante le lunghe guerre tra francesi e spagnoli per la supremazia nel Regno di Napoli, Vico Equense fu sempre legata ai primi e sostenne gli assedi aragonesi del 1441 e del 1461.Tra le figure storiche e culturali di origine vicana da segnalare Giovan Battista della Porta, Filippo Caulino, Luigi Serio, anch’egli caduto nel 1799 per difendere gli ideali della Repubblica Partenopea Cosa vedere Se cercate cultura, Vico Equense non vi deluderà. Oltre al Museo Mineralogico Campano, tra i musei scientifici più importanti del Sud Italia, e l'Antiquarium, Vico Equense vanta altri due importanti musei: quello artistico religioso del Convento di San Vito e quello naturalistico CITES di Pacognano presso il Sereno Soggiorno Salesiano. La dimora storica culturalmente più rilevante è Il Castello Giusso. L’edificio è diviso in una parte medioevale che venne costruita dal feudatario Sparano di Bari tra gli anni 1284-89. In seguito venne ampliato nel Rinascimento All’epoca il palazzo si limitava all’ attuale corpo centrale e parzialmente all’ala del lato mare. Con il feudatario Matteo di Capua, Principe di Conca, fu arricchito con giochi d’acqua, biblioteche, ed una eccezionale pinacoteca con quadri dei Maestri del Rinascimento. Il castello fu poi restaurato da Girolamo Giusso, da cui ha preso il nome. In questo periodo fu anche edificata a strapiombo sul mare la cattedrale dell'Assunta, unico esempio di cattedrale gotica della penisola sorrentina. L'edificio contiene alcune tele di Giuseppe Bonito e ricorda la visita del celebre giurista e filosofo Gaetano Filangieri.Dal 1935 al 1973 fu sede della Compagnia di Gesù. Da allora è un condominio privato visitabile solo in occasione di convegni e celebrazioni di matrimonio ospitati nei suoi saloni. Interessanti da visitare sono anche le chiese del centro storico, come la Chiesa ed ex convento della SS.Trinità e Paradiso, Chiesa della SS. Annunziata (XIV secolo), la chiesa di S. Maria del Castello da cui si può gode uno dei più bei paesaggi di Positano, la torre di Caporivo a Marina d’Aequa e i resti degli antichi mulini ad acqua costruiti verso il 1640 ed alimentati dall’ acqua della sorgente Sperlonga convogliata nel Castello. A Vico Equense non manca neanche il folklore: ogni 6 gennaio si ripete l'appuntamento con le Pacchianelle, un presepe itinerante costituito da circa 300 persone in costume che portano a Gesù bambino i prodotti tradizionali della penisola: agrumi, formaggi, dolci, noci, pesce. Re magi a cavallo, e la sacra famiglia, come nelle migliori tradizioni marinare, circondata da pescatori scalzi.Molto sentita dalla popolazione è anche la tradizionale processione del Venerdì Santo, organizzata dall'Arciconfraternita dell'Assunta e Monte dei Morti, con il tipico saio viola. Dove mangiare Per i buongustai c'è poi solo l'imbarazzo della scelta tra gli innumerevoli piatti preparati nei circa 40 ristoranti, alcuni da tempo segnalati in famose guide gastronomiche internazionali. Sono rinomati i prodotti caseari, i dolciumi tipici, e si possono gustare pietanze tipiche della tradizione gastronomica che uniscono i sapori del mare a quelli della campagna, oltre che la famosissima “Pizza a metro”.Due posti da provare davvero: la famosissima “Torre del Saracino”situato nel borgo marinaro di Seiano dove potrete assaggiare la cucina tipica con l’aggiunto del tocco gourmand del famoso chef Gennaro Esposito nella suggestiva cornice di una vera Torre di avvistamento Saracena. In alternativa, allontanatevi in montagna, da “Nonna Rosa” ristorante dell’esclusiva ed elegante dimora appartenuta a Giambattista della Porta Itinerari di Mare Gli stabilimenti balneari di Vico Equense hanno tutto ciò che serve per la vostra vacanza da sogno. Scegliete di provare il lusso e il relax de “Le Axidie” poi soffermatevi per un pieno di benessere alle acque termali de “lo Scrajo” e lasciatevi affascinare dal glamour del celebre Bikini che da meta per i bagnanti alla sera si trasforma in uno dei posti più alla moda della nightlife in Penisola Sorrentina, che offre un aperitivo divertentissimo ed una pista da ballo che va avanti tutta la notte fino a fermarsi di fronte al romantico spettacolo dell’alba in riva al mare. Altrimenti potreste optare per una cena allo Stone, ristorante della celebre catena di hotel "crown Plaza" direttamente a picco sul mare con un panorama sul Vesuvio davvero mozzafiato! Itinerari di Collina Ma se preferite aria fresca e panorama, iniziate la vostra escursione verso i “ Casali”. Sono i centri urbani che sorgono sulle colline che circondano il centro urbano di Vico Equense. Ben il settanta per certo della popolazione vive qui. Ognuno di questi piccoli centri ha un proprio Santo Patrono e una chiesa, mentre è comune a tutti l’economia sostanzialmente agricola, l' artigianato fiorente e la lavorazione del latte. Non vi sarà difficile trovare un agriturismo rustico ed accogliente dove gustare i famosi “Scialatielli” di pasta fresca, oltre che formaggi e salumi di produzione locale come Capocollo, Provolone del Monaco D. O. P. e Riavulilli (piccole forme di formaggio a pasta molle con un cuore piccante) accompagnati da una fetta di Casatiello, saporito prodotto da forno. Nella zona si possono ammirare bellezze paesaggistiche, e significativi monumenti quali ad Arola il complesso camaldolese di Astapiana (XVII secolo) e a Massaquano il ciclo pittorico trecentesco della Cappella di S.Lucia. I Casali sono sempre collegati tra di loro tramite percorsi panoramici che offrono la possibilità di fare un trekking leggero e suggestivo. Il percorso in collina attraverso i Casali si inerpica alle pendici del Monte Faito, il gigante verde della costiera. Itinerari di Montagna Il Monte Faito, facilmente raggiungibile in auto oppure in otto minuti con la Funivia, vi terrà al riparo dalla calura d’agosto, offrirà splendide foreste di faggi e pinete in cui passeggiare, un villaggio residenziale con annesso centro multifunzionale dove è possibile fare molti sports. Da visitare è il Santuario di San Michele, sorto su uno spiazzale che offre una splendida vista sulle vette del Molare e del Canino.
Livello 22     4 Trofeo   
Voto complessivo
AttractionDetailReviewList-GetPartialView = 0,0170162

Conosci Vico Equense? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ReviewAddReview-GetPartialView = 0,0040039

Consigli generici vicino a La porta della penisola sorrentina

AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0,0140136

Hotel vicino a La porta della penisola sorrentina

HotelListNear_2xN-GetPartialView = 0,0270251
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
AttractionFilterListOther-GetPartialView = 0,0050051
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
ReviewLatestSmall-GetPartialView = 0,003003

Cerca offerte a Vico Equense

HotelSearch-GetPartialView = 0,0110106

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Vico Equense
GuideList-GetPartialView = 0
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0,0040038
Gallery_3xN_Small-GetPartialView = 0,0040039
JoinUs-GetPartialView = 0,0020021
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010004
Footer-GetPartialView = 0,0020022
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008