×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Museo Aceto Balsamico Tradizionale di Modena a Modena  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
Valutazione Generale
  
Rank 6# di 164
Numero votazioni 7
AttractionDetailTopContainer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
MapSinglePin-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Museo Aceto Balsamico Tradizionale di Modena

Scrivi una recensione su Museo Aceto Balsamico Tradizionale di Modena
Livello 54     3 Trofeo   
Voto complessivo
Nel 1967 nasce a Spilamberto l'Associazione denominata "Consorteria dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena", proponendosi di promuovere, organizzare e sostenere iniziative e manifestazioni dirette alla tutela e alla valorizzazione dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, nonché alla diffusione della sua conoscenza nel... vedi tutto rispetto assoluto della tradizione. Il 24 novembre 2002 un importante tassello si è aggiunto al Sistema Museale della Provinciale di Modena: il Museo del Balsamico Tradizionale. Rappresenta un riferimento spaziale per la diffusione della cultura del "Balsamico" legata al territorio e alla sua gente. Il visitatore che attraversa le sale del Museo compie un viaggio passo passo alla scoperta del fascino di un prodotto che riassume in sé la storia di un lembo d’Emilia. La complessità della preparazione resa perfetta dal tempo e dall’esperienza; la maturazione lenta che è legata all'attività familiare di generazione in generazione, lontana da ogni industrializzazione; l' unicità della lavorazione gelosamente custodita nelle acetaie di famiglia si dischiudono al visitatore che attraversa le sale del museo, accompagnato dalle parole antiche ed esperte dei soci della Consorteria. Dai vigneti alla vendemmia, dalla pigiatura alla cottura del mosto si susseguono storie e tecniche antichissime, fino alla costruzione delle botti e all’acetaia, dove confluiscono sensazioni olfattive e gustative che ancora oggi proiettano sul visitatore il valore di una tradizione e il fascino di un mito.Sebbene l’aggettivo Balsamico compaia per la prima volta soltanto nel 1747 in un inventario delle cantine estensi, è fuor di dubbio che il prodotto abbia origini ben più remote. La mancanza di documentazione antica al riguardo è da imputarsi al fatto che la produzione del Balsamico aveva un carattere del tutto privato, in seno alla famiglia, la quale destinava il prezioso condimento alla propria mensa o a esclusivi doni. Salendo le scale di Villa Fabriani, verso il solaio, dove riposa l’acetaia della Consorteria, si è subito avvolti dall’inconfondibile aroma balsamico. L’assaggio è un vero e proprio rito, eseguito con calma, in silenzio, in un ambiente confortevole, con i giusti tempi e con gli strumenti appropriati. L’assaggiatore della Consorteria è abile ed esperto nel riconoscere tutti i colori, gli odori e i sapori racchiusi nella complessa storia di ogni Balsamico: prima l’esame visivo, poi quello olfattivo e per ultimo l’assaggio vero e proprio, la prova del gusto. Ogni anno in occasione del Palio di San Giovanni (Santo Patrono di Spilamberto) gli esperti assaggiatori della Consorteria raccolgono e valutano con la loro esperienza quasi un migliaio di campioni di Balsamico, prodotto nelle antiche Terre Estensi. E' solo in questa fetta di terra padana che può essere prodotto il Balsamico. Sarà l’inconfondibile odore di questa terra, resa umida e molle dalla nebbia, dove cresce la migliore uva trebbiana, oppure il clima freddo e rigido d’inverno e afoso d’estate, sarà la pazienza nel cuocere a cielo aperto nel focone e nel paiolo il mosto, oppure l’esperienza nel condurre e curare la lenta trasformazione del mosto cotto nei vaselli. Il Balsamico resta comunque un prodotto unico, nato in queste terre, da consuetudini tramandate fino ad oggi di generazione in generazione.
Livello 27     4 Trofeo   
Voto complessivo
Modena spicca per produzione di aceto balsamico tradizionale e igp. Un ottimo prodotto. Da non perdere: il Mulino di Navicello, la storia di Pavarotti, il grande lirico da poco scomparso, i musei Ferrari Maserati e a pochi km e quello... vedi tutto della Ferrari Maranello.
Livello 26     5 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo
Livello 31     4 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo
Livello 34     5 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo
AttractionDetailReviewList-GetPartialView = 0

Conosci Modena? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ReviewAddReview-GetPartialView = 0

Altre Attrazioni vicino a Museo Aceto Balsamico Tradizionale di Modena

AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0

Hotel vicino a Museo Aceto Balsamico Tradizionale di Modena

HotelListNear_2xN-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AttractionFilterListOther-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
ReviewLatestSmall-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Modena

HotelSearch-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Modena
GuideList-GetPartialView = 0
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0,0156258
Gallery_3xN_Small-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0