×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020022
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

I viaggi di Gigi: PALERMO (Il Duomo di Monreale)  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
Gigi
Scritto da: Gigi
Località: Palermo
Durata: 7 giorni
Data partenza: dal 12/03/2011 al
Viaggiatori: 2
Nomi dei viaggiatori: Gigi Oliviero - Stefano Carbone

Introduzione

Proseguiamo il viaggio alla scoperta di Palermo salendo al maestoso Duomo di Monreale.

Descrizione

I viaggi di GIGI: PALERMO (Il Duomo di Monreale)

Nel nostro affascinante viaggio alla scoperta di Palermo non poteva mancare la visita ad uno dei suoi luoghi più importanti dal punto di vista storico e artistico, cioè il maestoso Duomo di Monreale, posto alla periferia della città, su una dolce altura dalla quale la stessa appare sfumata e lontana.

Fu nel 1174 che re Guglielmo II pose le basi per un Duomo che sarebbe divenuto uno dei templi più splendidi della cristianità, una costruzione, all’esterno, massiccia e uniforme, poco valorizzata anche dallo stretto contesto urbano in cui è inserita, e che non ne valorizza immediatamente l'importanza, ma che racchiude al suo interno uno dei più spettacolari mosaici di tutti i tempi.

La stessa facciata, semplice e priva di particolari elementi decorativi, sembra voler nascondere quello che ci apparirà all'interno, eppure sotto gli archi delle tre absidi centrali si apre la prima meraviglia: una stupenda porta bronzea, la "Porta regum", adornata da 42 formelle ad altorilievo, realizzata, nel 1186, da Bonanno Pisano, l'architetto che aveva iniziato, 13 anni prima, la costruzione della Torre di Pisa. 

Ma dove la cattedrale esplode letteralmente di bellezza è al suo interno, completamente decorato con il più completo ciclo di mosaici bizantini mai giunto fino a noi. Essi ricoprono ogni angolo delle pareti, con un'estensione di quasi 6500 metri quadrati (addirittura superiore alla Basilica di San Marco di Venezia!), e raccontano storie del Vecchio e del Nuovo Testamento, in una visione di sfolgorante e finissima bellezza, impreziosita da un'eccezionale quantità di purissimo oro zecchino che fa da sfondo a tutta la rappresentazione. Su tutto domina, con un'immagine che già abbiamo ammirato in altri ambienti della città, una bellissima immagine del Cristo Pantocratore benedicente. 

Non si può lasciare questo splendido luogo senza visitare il chiostro dell'annesso convento benedettino, un luogo che, nel suo genere, ha davvero pochi rivali al mondo per spettacolarità e assoluta unicità. Si tratta, infatti, di un grande spazio, risalente all’epoca di Guglielmo II (fine del secolo XII), un vero miracolo di architettura e policromia, che ancor oggi suscita emozione e ammirazione profonda. Il chiostro, perfettamente quadrato, misura 47 metri di lato e rappresenta un perfetto esempio di architettura romanica siciliana; comprende ben 228 colonnine binate, tutte diverse una dall'altra, incrostate d'oro e decorate a mosaici e pietre preziose finemente lavorate a bassorilievo.

Ugualmente straordinari i capitelli, una meravigliosa antologia scultorea nella quale i motivi sacri si confondono con quelli secolari, con motivi biblici, uccelli, lotte di animali e altre innumerevoli figurazioni di grande fantasia creativa.

Interessante, storicamente, quello dove viene raffigurato il re Guglielmo che offre il Duomo alla Madonna, mentre interessante è, su di un altro, la firma di uno degli scalpellini: “Ego romanus filius Constantinus marmurarius”.

Bellissima infine, in un angolo, una raffinata fontana col fusto zampillante, scolpita a forma di palma, che evoca le incantate atmosfere dei giardini orientali.

 

Per oggi abbiamo finito, ma presto riprenderemo a visitare questa città unica. Se intanto volete approfondire la conoscenza di Palermo, potete andare, come ilo solito, su You Tube, dove troverete numerosi filmati che le abbiamo dedicato nella nostra sezione Filmcards.

Se poi avete l’iPhone o l’iPad, potrete scaricarvi da App Store l’applicazione che abbiamo dedicato proprio a Palermo, cercando “Filmcards Palermo”, o al link http://itunes.apple.com/it/app/palermo-perla-del-mediterraneo/id427136148?mt=8

che offre la visita a tutti i più importanti luoghi della città, centinaia di foto originali, 80’ di filmati, l’elenco di alberghi e ristoranti, le tradizioni (compresa musica e gastronomia) oltre a preziose informazioni turistiche. Il tutto supportato da precisi punti GPS e un comodo navigatore.

Sul sito www.filmcards.it potrete scoprire tutte le guide già disponibili.

gigi.oliviero09@gmail.com

DiaryDetailTopContainer-GetPartialView = 0,0290278
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Commenti

DiaryCommentList-GetPartialView = 0,0040043

Racconta il tuo viaggio

Condividi la tua esperienza con altri viaggiatori
I tuoi racconti di viaggio sono unici, raccontali con parole e immagini. In più, grazie alle tue storie accumuli sconti su vacanze e accessori per partire verso una nuova avventura!;
DiaryWriteDiary-GetPartialView = 0,0010013
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
DiaryListRelated_2xN-GetPartialView = 0,0241317
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0070068
AdvValica-GetPartialView = 0

Scarica gratis

la guida pdf di Palermo
La guida perfetta ovunque tu sia
DiaryGuideList-GetPartialView = 0,0030026
DiaryList_1xN-GetPartialView = 0,7588915
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0020017
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0