×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

A Gorgonzola tutti pazzi per il formaggio blu  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
Claudio
Scritto da: Claudio
Località: Gorgonzola
Durata: 1 giorno
Data partenza: dal 07/03/2015 al
Viaggiatori: 2
Nomi dei viaggiatori: sonia e claudio

Introduzione

Perché una gita fuori porta a Gorgonzola?  La cittadina di 20.000 abitanti porta il nome del secondo formaggio italiano più noto nel mondo, ma in pochi la conoscono come centro storico che costituisce un insieme urbano di pregio per la presenza di diversi edifici di valore storico-artistico e di scorci di paesaggio urbano, particolarmente suggestivi lungo la via d’acqua della Martesana con ponti, slarghi e vedute.

Descrizione

Perché una gita fuori porta a Gorgonzola?  La cittadina di 20.000 abitanti porta il nome del secondo formaggio italiano più noto nel mondo, ma in pochi la conoscono come centro storico che costituisce un insieme urbano di pregio per la presenza di diversi edifici di valore storico-artistico e di scorci di paesaggio urbano, particolarmente suggestivi lungo la via d’acqua della Martesana con ponti, slarghi e vedute.

Da Milano ci si può arrivare pedalando fuori dal traffico lungo il canale della Martesana, oppure addirittura con la Linea 2 della metropolitana: sicuramente arrivare a Gorgonzola - persino in modo “sostenibile” e molto tranquillo - non è un problema.

Da non perdere la chiesa neoclassica dei santi Gervasio e Protaso ideata dall’architetto Simone Cantoni assieme alla grande nicchia del mausoleo Serbelloni, il palazzo e il parco Sola Cabiati, il palazzo Freganeschi Pirola, l’ospedale Serbelloni, il vecchio cimitero, il piccolo Santuario della Madonna dell’Aiuto e la rustica corte dei Chiosi.

Nelle vie del centro largamente pedonalizzato avviene un “rito” permanente tutto l’anno e, in settembre, una vera celebrazione: stiamo parlando dei ristoranti, delle gastronomie, dei panifici e perfino delle gelaterie che offrono il formaggio gorgonzola “in purezza” o come ingrediente di specialità salate e dolci.

Il clou è naturalmente rappresentato dalla “Sagra nazionale del Gorgonzola” che si tiene il terzo week-end di settembre con bancarelle e assaggi  accessibili con la ormai famosa “gorgo-card”.

DiaryDetailTopContainer-GetPartialView = 0,031252
AdvValica-GetPartialView = 0

Commenti

DiaryCommentList-GetPartialView = 0

Racconta il tuo viaggio

Condividi la tua esperienza con altri viaggiatori
I tuoi racconti di viaggio sono unici, raccontali con parole e immagini. In più, grazie alle tue storie accumuli sconti su vacanze e accessori per partire verso una nuova avventura!;
DiaryWriteDiary-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
DiaryListRelated_2xN-GetPartialView = 0,0156263
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Scarica gratis

la guida pdf di Gorgonzola
La guida perfetta ovunque tu sia
DiaryGuideList-GetPartialView = 0
DiaryList_1xN-GetPartialView = 0,8906947
AdvValica-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0