×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156263

Roma segreta, i luoghi della Capitale sconosciuti ai turisti  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
16 mag 2018 - by Redazione
Roma // Itinerari ed escursioni

Roma, la Città Eterna, si conferma ogni anno tra le mete più visitando del mondo, accogliendo tantissimi visitatori – spesso stranieri – che restano senza fiato di fronte ai suoi monumenti più noti.

Dal Colosseo alla Basilica di San Pietro, passando per le viste panoramiche che solo dal Gianicolo è possibile ammirare, Roma è indubbiamente tra le città più belle del pianeta, con un patrimonio storico, artistico, culturale e architettonico che non teme confronti.

In una città così visitata, famosa e leggendaria, può sembrare quasi strano che esistano ancora luoghi sconosciuti al turismo (quello di massa). Eppure è così, e noi di PaesiOnLine vogliamo svelarvi quei posti segreti di Roma che non potete proprio perdervi per poter dire di conoscere davvero la città caput mundi.

 

 

 


Alla scoperta dell’Acquario Romano

Si trova a pochi passi dalla Stazione Termini, in una posizione dunque privilegiata a Roma: stiamo parlando dell’Acquario Romano di Piazza Manfredo Fanti, che ha alle spalle una storia lunga e curiosa, e per certi versi persino sfortunata.

Aperto nel 1887, venne usato come acquario solo per una decina d’anni per essere poi trasformato in una sorta di spazio aperto che ospitava eventi, spettacoli e, negli anni Trenta, addirittura magazzino.

Nel corso degli anni Ottanta l’Acquario Romano ha rischiato persino di chiudere, per essere poi restaurato e recuperato nei primi anni Duemila per diventare sede della Casa dell’Architettura. Una scelta quanto mai azzeccata per un piccolo, prezioso capolavoro architettonico capitolino.

 

 

 

 

Gli Orti di Galatea, il giardino segreto di Roma

È il giardino segreto di Roma, incastonato tra il Parco San Sebastiano e il Parco degli Scipioni.

Gli Orti di Galatea sono una realtà nascosta di Roma che potete trovare non lontano dal Circo Massimo, che di fama ne ha invece da vendere. Un contrasto irresistibile, di quelli che solo Roma è in grado di regalare!

Questo splendido spazio verde non è – purtroppo – attualmente visitabile.

 

 

 

Il Cimitero acattolico di Testaccio

Come succede per molte altre capitali d’Europa, anche Roma ha il suo cimitero monumentale. Il Cimitero del Verano ospita tombe d’eccellenza e d’eccezione, e alcuni dei maggiori protagonisti delle vicende storiche e culturali sia romane che italiane.

Spostandosi, però, nello storico quartiere di Testaccio, si incontra un altro cimitero storico romano, che in quanto a monumentalità non ha niente da invidiare al Verano.

Stiamo parlando del Cimitero Acattolico che, come dice il nome stesso, è luogo di sepoltura di personaggi di spicco non cattolici, soprattutto stranieri ma in qualche caso anche italiani.

Passeggiando nel Cimitero Acattolico di Roma, si resta senza fiato di fronte a tombe monumentali quali quella di Emelyn Eldredge Story, inconfondibile per la presenza della maestosa statua dell’Angelo del Dolore. Impressionanti nella loro semplicità, e certamente per il loro valore storico, tombe come quella di Antonio Gramsci, dalle linee sobrie ed essenziali ma non meno d’impatto.

 

 

 

Il Quartiere Coppedè, un quartiere a regola d’arte

Ogni giorno sono tantissimi i romani che passano di qui, e molti di loro sembrano non essere neanche consapevoli del valore architettonico del quartiere in cui si trovano.

Il quartiere Coppedè, che prende il nome dall’architetto omonimo che lo ha progettato nei primi anni del Novecento, è una incantevole galleria liberty a cielo aperto, con ville e palazzi riccamente decorati e di grandissima eleganza.

Se lo cercate, lo trovate nel quartiere Trieste, tra Piazza Buenos Aires e via Tagliamento; è proprio su quest’ultima strada che sorge il grande arco d’ingresso simbolo del quartiere stesso.

Imperdibile una foto a Piazza Mincio, al centro della quale sorge e domina la bella Fontana delle Rane.

 

 

 


Il Giardino degli Aranci

Si chiama Parco Savello, ma tutti – o almeno i pochi che ne sono a conoscenza – lo chiamano Giardino degli Aranci.

In una spettacolare posizione panoramica, sulla cima del colle Aventino nel cuore del Rione Ripa, non avrà la stessa fama del Pincio a Piazza del Popolo ma sicuramente la sua bellezza non passa inosservata.

Il Giardino degli Aranci è un delizioso giardino panoramico, autentica terrazza su Roma che deve il suo nome alle tante piante di aranci che lo impreziosiscono.

ContentInfoPostDetail-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
ContentListPostListRelatedByPlaceCateg-GetPartialView = 0,0937573
ContentPostListRelatedByCategNearGeoLoc-GetPartialView = 0,6122245
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156262
HotelSearch-GetAsyncComponentContainer = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,1093841
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0