×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020017
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013

L'abbazia a cielo aperto d'Italia, tra spade nella roccia e leggende  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
11 apr 2018 - by Alessio
Toscana // Monumenti ed edifici storici

Si trova a poco più di 30 chilometri dalla città di Siena, ed è un luogo tanto spettacolare quanto unico nel suo genere, immerso nel verde della campagna toscana dalla quale emerge come un miraggio d’altri tempi.

Tra i luoghi da non perdere durante una gita in Toscana, l’Abbazia di San Galgano è senza dubbio uno dei più affascinanti con il suo suggestivo aspetto diroccato e la storia curiosa che la vede protagonista.

Ciò che immediatamente colpisce dell’Abbazia di San Galgano è la sua architettura che ancora ricorda le originali forme gotiche, e che la rende una vera e propria ‘cattedrale del deserto’.

 

 

La storia dell'Abbazia di San Galgano

L'Abbazia di San Galgano fu costruita nel corso del Duecento dai monaci cistercensi, che la abbandonarono progressivamente il secolo successivo in seguito a carestie ed epidemie di peste che afflissero la zona nei suoi immediati dintorni.

Lo stato di abbandono fu tale che persino il tetto dell’abbazia venne venduto per ricavarne del piombo. È per questo motivo che ancora oggi l’abbazia si mostra senza tetto e priva di finestre, splendido esempio di abbazia a cielo aperto d’Italia dove architettura e natura si fondono in perfetta armonia, quasi a ricordare i templi pagani caratterizzati da un diretto contatto con la natura circostante.

Quel che resta di un complesso monastico di fondamentale importanza – qual era San Galgano all’epoca della sua costruzione – sono mura maestose, lunghe navate da percorrere con gli occhi al cielo e persino alcune sale, pur in stato di rudere, come quella del refettorio.

Galgano_2

 

 

San Galgano oggi, tra rovine ed eventi

Nonostante dell’originale abbazia rimangano ormai solo le rovine, sono proprio tali rovine ad affascinare visitatori e curiosi provenienti da ogni parte del mondo.

Che amano visitarla anche di notte, quando il senso di isolamento che emana si fa ancora più suggestivo, oppure in occasione di particolari eventi e manifestazioni che ospita nel corso dell’anno.

L’Abbazia di San Galgano è infatti scelta spesso come location di concerti e spettacoli, ed è stata spesso stata set di produzioni cinematografiche italiane.

Galgano_1

 

 

Lo strano caso della Spada nella Roccia

È nell’atmosfera che si respira nei pressi dell’Abbazia di San Galgano che va ricercata buona parte del suo fascino, che nel corso del tempo si è arricchito di storie e leggende che le hanno creato intorno un indescrivibile alone di mistero.

Intorno all’abbazia sono nate teorie ed interpretazioni tra lo scientifico e l’esoterico, soprattutto quando venne portata alla luce la celebre spada nella roccia che è possibile anche oggi ammirare salendo lungo la collina che conduce all’Eremo di Montesiepi.

È proprio qui, infatti, che il visitatore trova una cappella al centro della quale l’antica spada se ne sta incastonata nella pietra, conficcata lì dallo stesso San Galgano in segno di addio alle armi e inizio di una nuova vita all’insegna della fede e della spiritualità.

Questa, almeno, è la leggenda. Una leggenda che sarebbe tuttavia stata verificata da una serie di studi fatti sulla spada che ne hanno dimostrato l’autenticità e basati, ad esempio, sul materiale di cui la spada è fatta. Si tratterebbe di una lega metallica del XII secolo che veniva proprio utilizzata per la costruzione delle spade.

Galgano_Spada

 

 

San Galgano e Re Artù, una lotta lunga secoli

Le immagini della spada nella roccia evocano immediatamente le storie di Re Artù e dei suoi cavalieri, protagonisti dell’omonimo ciclo bretone che molti di noi hanno studiato sui libri di scuola.

E se vi dicessimo che la spada di San Galgano sia venuta prima di quella arturiana, e che non sia solo una leggenda ma una splendida realtà?

Se Re Artù è infatti una figura esistita solo nell’immaginario collettivo, quella di Galgano è una figura realmente esistita e attestata dalle fonti. Nessuno ha inoltre mai visto la spada di Re Artù, mentre quella di San Galgano continua ancora a fare bella mostra di sé in questo verde angolo a due passi da Siena, pronta a stupire tutti i suoi visitatori.

Galgano_3

 

Queste, e molte altre, le supposizioni nate intorno all’Abbazia di San Galgano e alla spada nella roccia, e per cui sono stati versati fiumi di inchiostro. Qualunque sia la verità, ciò che rimane fuori da ogni dubbio è il grande fascino della spada nella roccia, e la crescente fama che ha conosciuto presso i turisti di tutto il mondo.

ContentInfoPostDetail-GetPartialView = 0,0140132
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
ContentListPostListRelatedByPlaceCateg-GetPartialView = 0,1601541
ContentPostListRelatedByCategNearGeoLoc-GetPartialView = 0,0230222
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0080095
AdvValica-GetPartialView = 0
HotelSearch-GetAsyncComponentContainer = 0,0009991
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008





FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0020017
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,4691821
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0020017
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0