×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020022
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Itinerario in camper. Il mare della Liguria  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
15 feb 2017 - by Redazione
Liguria // Itinerari ed escursioni

Itinerario

 

Introduzione

Questo viaggio si propone di far conoscere la costa ligure, lunga ben 300 km, caratterizzata da calette nascoste, promontori frastagliati, insenature delle scogliere, spiagge sassose, distese di sabbia, golfi e soprattutto un mare limpido e pulito, senza trascurare le tipiche cittadine e gli accoglienti borghi.

La regione offre anche una serie di siti per l’arrampicata in luoghi straordinari: alcuni di questi sono molto conosciuti negli ambienti dei climber affermati, altri si adattano perfettamente alle esigenze dei dilettanti e matricole della scalata. Ancora, a poca distanza con la frontiera italo-francese, vi è una zona umida, che seppur di dimensioni contenute, ospita 140 specie diverse di uccelli. Sia in pianura sia in montagna è possibile andare in mountain bike, difatti oltre venti società sono sparse nelle quattro province. Un’altra carta vincente è il clima: la vita all’aria aperta dura 365 giorni l’anno. Principalmente grazie a ciò, la regione vanta piante, fiori ed erbe aromatiche celeberrime.

Oggi poi continua ancora la lavorazione dei velluti da seta, quindi del damasco, di cui al tempo delle repubbliche marinare Genova ne era la sovrana;illustrata da un museo d’arte vetraria è la produzione del vetro. L’itinerario si articola in funzione di cinque località: la riviera dei fiori, la riviera delle palme, il golfo del Tigullio, Genova e le cinque terre.

 

Prima parte

Il nostro itinerario alla scoperta della Liguria inizia da Ventimiglia. Questa è una città di confine e per questo comprende una serie di mescolanze e dialetti. Le testimonianze dell’antica Roma sono visibili negli scavi archeologici con il teatro romano. Nella parte alta della città si eleva la Cattedrale dell’Assunta con il suo bellissimo campanile, proprio tra le mura del borgo medievale. La zona moderna della città è invece situata lungo il mare, e la Chiesa di Sant’Agostino si trova nel mezzo.

Importante da visitare la Mortola, attraverso i giardini di Villa Hanbury. Meta obbligata è la sosta in uno dei ristoranti tipici per gustare coniglio e orata alla ventimigliese, barbagiuai e pisciadella. In un intrigo di vicoli e archi di pietra si erge Bordighera, dove è situato il palmeto più a nord d’Europa. Il clima è così splendido che è rigogliosa la vegetazione di banani, agavi, eucalipti, aranci e limoni.Tra vari palazzi Liberty troviamo Villa Garnier, di fronte al porto.

Specialità della zona è sicuramente il bacio, un dolce al cioccolato squisito. Famosa già come meta turistica alla fine dell’800 quando le principesse russe e i baronetti inglesi la scoprirono, Sanremo presenta una moltitudine di giardini, terrazzi, serre ed è per questo conosciutissima dappertutto. Tappa obbligata per chi si reca qui è il Casino, l’Ariston, famoso per il Festival della Canzone Italiana, lo shopping. La parte storica è alla Pigna, con il Santuario della Madonna della Costa, la cattedrale di San Siro, villa Nobel (dove abitò lo scienziato). Tipicamente sanremese è la pizza sardenaira. Per ammirare i portali in pietra nera scolpita, le insegne patrizie, i portici, la tabella con le vecchie misure genovesi in canne e palmi, ci si reca a Taggia.

Centro vitale della città è Arma, situata sul litorale, piena di sole anche d’inverno. Tipico prodotto gastronomico è l’oliva “taggiasca”. Partendo dalla suddetta Arma e percorrendo circa 30 km. si raggiunge quello che per tutti ormai è il paese delle streghe: Triora. La cittadina è caratterizzata da case in pietra, stradine e carruggi. L’Inquisizione delle streghe del 1558 ancora è respirabile alla Cabotina, per esempio. Interessanti sono l’Oratorio di San Giovanni e il panorama stupendo che si può godere dal piazzale della Parrocchiale. È opportuno acquistare funghi, miele, pane e formaggette locali. Nel porto turistico di Marina degli Aregai nella città di Santo Stefano al mare, saranno soddisfatti gli appassionati di nautica da diporto.

Alle spalle, sulle colline, sormontano i borghi di Castellaro, Pompeiana, Terzorio. Nella prima località si può effettuare un’escursione al Santuario della Madonna della Lampedusa. Proseguendo si arriva ad Imperia, divisibile distintamente in due parti: Oneglia e Porto Maurizio. Qui si trova il Duomo di San Maurizio, la più grande chiesa ligure, il Convento di Santa Chiara e le antiche mura a picco sul mare. Accanto al porto vi è la sede del biennale raduno delle Vele d’Epoca. Per giungere nei ristoranti più caratteristici ci aspetta Borgo Prino. A Onelia ideale per lo shopping è Via Bonfante, e nella parte vecchia è situato il Palazzo dei Doria. Persiste anche qui la coltura dell’olivo.

Palme, pini marittimi, olivi e agrumi circondano tutto il Dianese, ampia insenatura dominata da Diano Marina. Vi è un’altissima concentrazione di alberghi e negozi. Sul lungomare si incontrano il Palazzo del Parco e il Museo Civico. Da non perdere il carnevale e l’infiorata. Centro turistico eccellentemente attrezzato è San Bartolomeo al mare. Ogni estate, ormai da anni, si svolge il concorso musicale e vocale per giovani talenti. Il paesaggio è molto affascinante poiché accosta montagna e mare. Grandi protagonisti sempre gli uliveti.

 

Seconda Parte

Proseguendo verso nord, la fisionomia del paesaggio cambia, gli ulivi si fanno da parte e si apre una breve pianura. Il primo centro di ponente della Riviera delle Palme, antichissimo, è Andora. Qui persiste un ponte di pietra a 10 arcate costruito dai Romani. Ci sono un castello, una chiesa bellissima che ospita gli appuntamenti della musica costiera. Il suo porto turistico ha 600 posti barca, le spiagge sono di sabbia finissima e sui fondali giace un relitto della seconda guerra mondiale. È il centro del Santuario delle Balene, infatti nel mare dimorano capodogli, balene e delfini. In successione è ubicata Laigueglia, con le sue case dalle facciate colorate, che servivano ai pescatori per distinguerle durante le mareggiate. Le croci dei due campanili della chiesa di San Matteo ricordano la tradizione marinara. Il centro è rimasto quasi immutato da quei tempi, persino alle auto non è permesso entrarvi. Seguono quattro chilometri di spiaggia di quarzo e calcare finissimo che caratterizzano il litorale di rara bellezza di Alassio.

Il clima di questa zona è uno dei più miti della regione. Incantevoli i palazzi nobiliari come il palazzo settecentesco dei marchesi Ferrero de Gubernatis Ventimiglia. La strada più caratteristica della città è il budello, stretto fra case antiche e moderni negozi. Frequentato da parecchi artisti e celebrità dello spettacolo è il Caffè Roma all’angolo di Via Cavour. La vita mondana di Alassio ha il suo centro nel “muretto” di Via Dante, dove si svolge anche un concorso di bellezza a fine agosto. Proprio di fronte l’isola di Gallinara, privata, quindi visitabile soltanto con un giro in barca. Fondata su un colle accanto al fiume Centa, Albenga ha il suo centro civile e religioso in piazza San Michele. Qui si trovano il palazzo medievale-rinascimentale Peloso Cepolla, il Municipio, il Palazzo Vecchio. La cattedrale di San Michele è una meta obbligatoria insieme al Battistero. Alla fine della pianura del fiume Centa è situata Ceriale, con il suo lungomare di palme, case colorate, stabilimenti balneari, bella spiaggia, fondali adattissimi alle immersioni. Vi sono due chiese antiche: la Chiesa Vecchia di Peagna e la chiesa romano-gotica di San Giorgio di Campochiesa.

A pochi chilometri si incontra Borghetto S. Spirito, in posizione leggermente sopraelevata dal mare e dalla spiaggia. Una meraviglia della natura è ospitata da questa terra: le grotte di Toirano. La più celebre fra le tante è la grotta della Bàsura (le bàsure erano le streghe). Da visitare il Museo Etnografico della Varatella. Loano ha una storia antichissima che ha lasciato numerose tracce. Il nucleo medievale della città è tutto cinto da mura e da qui è ben visibile il mare. La località è una fra le più piacevoli della Riviera. Per non parlare delle feste serali, concerti e discoteche. Poi c’è Pietra Ligure, che possiede una splendida passeggiata sul mare sotto le palme. È’ offerto l’imbarazzo della scelta tra feste in spiaggia, campi da tennis e bocce, pianobar, sagre, mercatini dell’antiquariato e gli spettacoli di teatro.

La "capitale" e la perla del turismo ligure marino e montano è Finale Ligure. Sulle ampie spiagge di rena fine si può praticare beach-volley e il mare è adatto alla vela. La Porta Reale è interessante, col campanile ottagonale tardogotico di San Biagio, insieme con il Convento di Santa Caterina, il museo civico, Piazza Garibaldi, Porta Testa. Dopo Finale si trova Noli cinta da tre mura e dominata dai resti del castello dell’XI secolo: oggi restano otto case-torri che testimoniano l’influenza dell’urbanistica genovese. Sono sparsi dappertutto vicoli, loggiati, piazzette, e lungo le palme della spiaggia è possibile acquistare il pesce fresco. Spotorno è oggi tra i più importanti centri turistici della regione anche se è dotato di un centro storico antico. Una delle spiagge più belle è quella che va da Torre del Mare e arriva sull’Aurelia. A seguire Bergeggi si presenta come una collina verde di fasce coltivate. Dalla sommità è possibile vedere la costa fino alle Cinque Terre. Di fronte al promontorio sorge l’isola di Bergeggi, uno sperone roccioso coperto di vegetazione e che conserva i resti di due chiese e di una torre medievale. Le ultime due località sono Savona e Varazze.

Il capoluogo della provincia si può definire medievale e barocco presso la vecchia Darsena, ottocentesca nelle vie centrali, moderna nelle aree intorno al letto spesso asciutto del Letimbro. Il percorso si può cominciare dalle torri medievali che svettano sulla parte più antica del porto: le torri Corsi e Guarnieri, del Brandale, che è un campanile. Lì accanto c’è il palazzo degli anziani, da qui inizia Via Pia, la strada principale della Savona antica. La parte più interessante di questo tratto è il quattrocentesco Palazzo Della Rovere. Si sbuca poi in Via Aonzo, verso la piazzetta del Vescovado, col settecentesco Palazzo Vescovile, e la piazza del Duomo, sul retro del Palazzo Della Rovere e la Cattedrale di Santa Maria.

La località di Varazze offre ai turisti il meglio in termini di ricettività alberghiera e strutture balneari e sportive, favorita inoltre dalle condizioni climatiche. Ci sono più di quaranta stabilimenti. La vita notturna poi è fra le più attive. 

 

Terza parte

Genova gode di un porto e di un centro storico appena ristrutturati. I gioielli della città sono Palazzo Bianco e Palazzo Rosso, Palazzo Ducale, le torri di Sant’Andrea, la casa di Cristoforo Colombo, musei, mostre e la zona del porto antico, dove bisognerebbe arrivarci al tramonto.

Le navi da crociera attraccano presso l’ottocentesca Stazione Marittima. Ma l’attrazione principale è sicuramente costituita dall’acquario, il più grande d’Europa che ospita specie ittiche rarissime e vasche enormi per delfini, squali e foche. Occorrono due o tre ore per visitarlo: bisogna fermarsi ad accarezzare le razze e ad osservare le meduse.

 

Quarta parte

Le Cinque Terre sono dei comuni arroccati sulla costa che ne caratterizzano uno dei tratti più belli. Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola, Riomaggiore si fondono col mare attraverso le terrazze coltivate, le case ed il colore del mare. L’unico mezzo di trasporto è il treno che conduce anche alla famosa Via dell’Amore. I paesaggi sono rimasti davvero intatti grazie alle accortezze di pescatori ed agricoltori.

ContentInfoPostDetail-GetPartialView = 0,0170166
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
ContentListPostListRelatedByPlaceCateg-GetPartialView = 0,0680653
ContentPostListRelatedByCategNearGeoLoc-GetPartialView = 0,6666384
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0080077
AdvValica-GetPartialView = 0
HotelSearch-GetAsyncComponentContainer = 0,0010009
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010012

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010009
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,1171121
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
Footer-GetPartialView = 0,0020022
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008