×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Itinerari del vino. La provincia di Taranto  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
14 feb 2017 - by Alessio
Puglia // Cucina e vini

La provincia di Taranto è caratterizzata dalla produzione delle DOC Primitivo di Manduria (anche nella provincia di Brindisi dall’uva omonima, anche Dolce Naturale, Dolce naturale Liquoroso e Liquoroso Secco), Martina o Martina Franca (anche nelle province di Brindisi e Bari prevalentemente da uve Verdeca e Bianco d’Alessano, anche nella versione Spumante), Lizzano (nelle tipologie Bianco, anche Frizzante e Spumante, Rosato, anche Frizzante e Spumante, Rosso, anche Frizzante, Malvasia Nera, anche Superiore e Negro Amaro, anche Rosato e Superiore) e Aleatico di Puglia (prevalentemente dall’uva omonima, anche Liquoroso e Riserva). Completano la rassegna le IGT Tarantino (propria della provincia), Salento e Puglia.

 

Itinerario

L’itinerario inizia da Taranto, capoluogo della provincia e centro portuale e militare di prima importanza nel panorama nazionale, da cui ci si dirige verso Mottola (Dolcemorso), Castellaneta (Colli della Murgia), e si giunge a Martina Franca (Cantine Di Marco, Miali, San Martino), nella Terra dei Trulli, (di cui la città ospita il Museo), le tipiche case bianche dal tetto conico, che molti turisti vengono ad ammirare qui e nella vicina Alberobello.

La città si trova al centro della Valle d’Itria, dove si allevano ancora il Cavallo delle Murge e l’Asino di Martina Franca, due specie equine unicheQui si svolgono il Festival di Cultura e Folclore (luglio-agosto). Si riparte attraversando Grottaglie (Cantina Sociale Pruvas), e si giunge a Mandruria (Accademia dei Racemi, Consorzio Produttori Vini e Mosti Rossi, Daggiano, Felline, Pervini, Soloperto), città al centro della produzione dell’omonima DOC, a cui è dedicata la “Merum”- Festa del Primitivo di Mandruria (agosto). Poco distante si trova Avetrana, dove merita una citazione l’azienda Sinfarosa.

Concludono il nostro itinerario le visite a Sava (Cantina Sociale, Vinicola Savese), altro centro di produzione di prima importanza, dove si svolge la Festa del Vino (giugno), e Lizzano (Cantine Lizzano).

 

Altri itinerari enologici in Puglia

ContentInfoPostDetail-GetPartialView = 0,0156249
AdvValica-GetPartialView = 0
ContentListPostListRelatedByPlaceCateg-GetPartialView = 0,062505
ContentPostListRelatedByCategNearGeoLoc-GetPartialView = 1,8445972
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
HotelSearch-GetAsyncComponentContainer = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,2343934
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0