×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Il Carnevale di Sciacca 2018 tra tradizioni e modernità   

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
23 gen 2018 - by Alessio
Sciacca, Sicilia // Eventi e Manifestazioni

Ogni periodo dell'anno è perfetto per visitare la Sicilia e, in occasione del Carnevale, lo è più che mai.

Dal Carnevale di Misterbianco al Carnevale di Acireale, il Carnevale in Sicilia assume tante forme diverse, e rappresenta l'occasione perfetta per concedersi un viaggio nell'isola più grande del Mediterraneo.

Sciacca è un comune italiano della provincia di Agrigento che affaccia sul mare: una città turistica e termale, ricchissima di monumenti, nota soprattutto per la sua ceramica ed il suo spettacolare Carnevale.

Una festa che ha origini antiche (pare sia nata nel Seicento, precisamente dopo un’epidemia di peste datata 1626) e che si incastra con la celebrazioni della Beata Vergine Maria del Soccorso (patrona del paese celebrata sia il 15 agosto che il 2 febbraio).

Una festa che fonde pulsioni cattoliche (la statua della Madonna, ornata di gioielli, viene portata in corteo per le vie del centro dai devoti) e suggestioni arcaiche legate addirittura ai rituali ancestrali ellenici dedicati a Dionisio ed Iside.

Proviamo dunque a guardare assieme un po’ più nel dettaglio il Carnevale di Sciacca, oggi come un tempo sospeso tra tradizioni e modernità.

 

Le origini del Carnevale di Sciacca

Se la prima datazione parla di XVII secolo, in realtà a Sciacca pare si festeggi il Carnevale in maniera più o meno continuativa addirittura dai tempi degli antichi Romani (all’epoca ricorrevano i festeggiamenti dei saturnali).

Al contrario la prima testimonianza scritta è datata 1889 e si deve a Giuseppe Pitrè, antropologo di Palermo che parla del comune siciliano all’interno della sua opera “Biblioteca delle tradizioni popolari”.

 

Le Maschere e i riti del Carnevale di Sciacca

Protagonisti assoluti del Carnevale di Sciacca sono, come è facile intuire, i carri allegorici e le maschere tradizionali.

Partendo da queste ultime è doveroso innanzitutto parlare della maschera di Peppe Nappa: un personaggio che risale alla Commedia dell’Arte, che rappresenta un servo caratterizzato tanto da pigrizia e gola, quanto dalla capacità di diventare incredibilmente abile al momento del bisogno.

Uno degli appuntamenti imperdibili delle feste a Sciacca è proprio la consegna simbolica delle chiavi della città a Peppe Nappa (sancisce in qualche modo l’inizio del Carnevale), così come è vero e proprio catalizzatore dell’attenzione pubblica il rogo del suo carro, che abitualmente va in scena durante il “martedì grasso” in Piazza Scandaliato: un altro evento davvero spettacolare, soprattutto se consideriamo che attorno al fuoco danzano in girotondo decine di ballerini intenti a lanciare migliaia di martelletti sul carro in fiamme.

 

Il Museo del Carnevale di Sciacca

Ogni edizione è poi, come già accennato in precedenza, caratterizzata da tanti spettacolari carri allegorici: questi, oltre a sfilare durante i giorni di festa, sono in qualche modo raccolti anche all’interno del Museo del Carnevale di Sciacca.

In questo caso si tratta di semplici riproduzioni in miniature, ma rendono comunque merito sia alle idee (come saprete ogni carro può “parlare” sia di temi tradizionali, che di argomenti di stretta attualità quali politica, cultura, sport ecc.) sia all’abilità dei maestri della cartapesta coinvolti nella loro realizzazione.

 

L'edizione 2018 del Carnevale di Sciacca

Quest’anno il Carnevale di Sciacca festeggia l’edizione numero 118 ed andrà in scena da giovedì 8 a martedì 13 febbraio: le sfilate dei carri dovrebbero essere concentrate tra le giornate di sabato 10, domenica 11, lunedì 12 e martedì 13 e coinvolgeranno soprattutto il centro storico della città.

La parata dovrebbe coinvolgere otto diversi carri allegorici selezionati, a cui va aggiunto quello già citato di Peppe Nappa. Quest’ultimo aprirà il corteo e vedrà la maschera di cui sopra impegnata a distribuire doni ai presenti (soprattutto vino e salsicce alla brace).

Il programma del Carnevale di Sciacca è in continuo aggiornamento, quindi, per avere le ultime notizie, vi suggeriamo di consultare il sito ufficiale www.sciaccarnevale.it: qui troverete il programma completo e diverse informazioni utili relative alla città. Insomma, il portale da consultare se cercate un luogo dove alloggiare, o qualche suggerimento su un locale in cui effettuare una pausa rilassante tra un carro, una maschera ed una bancarella.

ContentInfoPostDetail-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0
ContentListPostListRelatedByPlaceCateg-GetPartialView = 0,0937569
ContentPostListRelatedByCategNearGeoLoc-GetPartialView = 0,7500591
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
HotelSearch-GetAsyncComponentContainer = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0