×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

È italiano ed è uno dei migliori borghi murati d'Europa  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
18 giu 2018 - by Alessio
Monteriggioni // Itinerari ed escursioni

La “cerchia tonda” di Dante emerge tra le colline toscane in provincia di Siena.

Così è definito il caratteristico borgo medievale di Monteriggioni nel XXXI canto dell’Inferno. Dante rimase affascinato in modo particolare dalla meravigliosa “radunata” delle sue torri, ben 14 che allora erano molto più alte di come appaiono oggi, tanto che lui le paragonò ai giganti del pozzo di Malebolgie.

Monteriggioni è stato definito il miglior borgo murato d’Italia, tra i più belli e suggestivi. Le parole infatti non bastano a descrivere il suo fascino donato dall’integrità della cerchia muraria e delle torri, che stringono il paesino in un dolce abbraccio.

Bastano pochi minuti per girare a piedi tutta Monteriggioni, un luogo magico che si è fermato al Medioevo, anche se oggi naturalmente ospita negozi, ristoranti e tanti eventi, tutti legati però alle sue origini duecentesche.

 

 

 


A passeggio per Monteriggioni

Poche strade ma suggestive. Un’unica piazza dove si svolgono tutte le attività e dove sorge la bellissima chiesa, la Pieve di Santa Maria Assunta: piccola e da sempre centro della vita del borgo: un’unica navata con un abside quadrata ospita volte in stile gotico, un tabernacolo del XV secolo e un quadro della Madonna del Vanni; l’elegante facciata tutta in pietra ci ricorda che è stata realizzata nel XIII secolo. Il suo campanile del XVIII secolo ospita l’unica campana che risale al 1299.

In piazza Roma ci si arriva subito dopo aver attraversato la porta principale del borgo di Monteriggioni e dopo aver ammirato in lontananza la meravigliosa cerchia muraria e le torri intatte, costruite nel medioevo per difendere e proteggere gli abitanti.

Per questo Monteriggioni è considerato uno degli esempi di architettura militare meglio conservati al mondo, con le sue mura dal perimetro di 570 metri, innalzate tra il 1212 e il 1219, e che hanno svolto egregiamente il loro compito: il borgo infatti non è stato mai espugnato, ad eccezione di quando, nel 1554, il capitano della guarnigione senese aprì una porta della città ai fiorentini, dopo aver stipulato un accordo segreto con gli invasori.

La passeggiata più suggestiva a Monteriggioni è sicuramente quella che è possibile fare sulle mura, dalle quali ammirare uno splendido panorama su tutto il territorio circostante.

L’accesso è su Piazza Roma e gli orari variano in base alla stagione; il costo del biglietto è di 1 € e 50. Poco distante si trova anche il Museo delle Armature, con un costo d’ingresso pari a € 3; se abbinati i due ingressi si paga in totale solo 3 € e 50.

Pensate che a questo luogo fuori dal tempo sono legate delle leggende che narrano di cunicoli segreti e passaggi sotterranei che mettevano in comunicazione il castello con le fortificazioni vicine, e addirittura si racconta che ci sia una strada segreta che porta fino alla città di Siena.

Il piccolo borgo di Monteriggioni ospita negozi d’artigianato e ristorantini dove assaporare i gustosi piatti tipici della tradizione toscana, come il cinghiale, le pappardelle, la ribollita, i salumi e i vini senesi.

Monteriggioni

 

 

 


Eventi a Monteriggioni

Il paesino è particolarmente suggestivo nel periodo natalizio quando viene addobbato a festa, la sua piazza si anima con le bancarelle tipiche dei mercatini di Natale e per le stradine si aggirano i folletti ed elfi pronti ad accogliere i bambini.

D’altronde lo spirito medievale si respira ad ogni angolo del borgo, soprattutto quando si svolgono eventi e rievocazioni: nel mese di luglio va in scena il festival “Monteriggioni di Torri si Corona” (celebre frase di Dante nella Divina Commedia), con rievocazioni di arti, mestieri e scene di vita quotidiana di quel tempo.

I fortunati visitatori possono in quei giorni ammirare artigiani all’opera che utilizzano tecniche ormai in disuso e per le stradine si aggirano giocolieri, trampolieri, musici, buffoni e imbonitori.

Giostre e tornei medievali contribuiscono a far vivere un vero e proprio viaggio a ritroso nel tempo.

 

Monteriggioni_2

Leggi anche La Manhattan del Medioevo è il borgo più amato d'Italia.

ContentInfoPostDetail-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
ContentListPostListRelatedByPlaceCateg-GetPartialView = 0
ContentPostListRelatedByCategNearGeoLoc-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
HotelSearch-GetAsyncComponentContainer = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0