×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0156262
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Un tuffo in acqua cristallina a un'ora da Roma: ecco i Caraibi del Lazio  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
25 set 2019 - by Redazione
Subiaco, Lazio // Da non perdere

Chi lo ha detto che per andare ai Caraibi bisogna per forza spendere tanti soldi e prendere un aereo? In Italia esiste, a pochi passi da noi, un vero e proprio paradiso terrestre meglio noto come i Caraibi del Lazio. La guida proposta vuole condurvi alla scoperta virtuale di questo luogo stuzzicando la vostra curiosità perché tutti noi vorremmo, in fondo in fondo, concederci una vacanza da sogno.

Cerchiamo, dunque, di capire dove sono questi celebri Caraibi, come vi si può arrivare e quando si può affrontare questo genere di gita; ci soffermiamo, infine, sulla storia del posto che si intreccia con un personaggio storico di Roma.

La storia dei "Caraibi del Lazio"

I Caraibi del Lazio vantano una storia molta antica riconducibile, almeno in parte, alla vita di Nerone. L'uomo nel 60 d.C. decide di trasferirsi in campagna e più precisamente nell'area isolata nei dintorni del fiume Aniene. La dimora, eretta da un gruppo di architetti che danno prova di grande maestria, si integra perfettamente con l'ambiente circostante e il suo fiore all'occhiello è rappresentato da tre laghi artificiali (Simbruina Stagna) costruiti con l'ausilio di alcuni sistemi di sbarramento per le acque del fiume.

Nerone, come riporta Tacito, è vittima di alcuni cattivi presagi (un fulmine colpisce la mensa e l'uomo contrae una malattia dopo aver fatto un bagno nel torrente) e decide, quindi, di fare ritorno a Roma; la damnatio memoriae si abbatte sulla villa e della stessa rimane ben poco (una parte delle terme e un ninfeo). San Benedetto da Norcia erige, successivamente, sulle stesse macerie l'abside del suo primo monastero (oratorio di San Clemente). Questi luoghi diventano, quindi, la sede di un insediamento che prende il nome di Subiaco (Sublaqueum o sotto i laghi).

Dove si trovano i Caraibi del Lazio?

I Caraibi del Lazio, che si trovano in una riserva naturale ai piedi dei Monti Simbruini, distano appena un'ora d'auto dalla capitale e sono ubicati nei dintorni del Monastero di San Benedetto (Subiaco). Giunti a destinazione, percorrete il sentiero e seguite il dolce rumore dell'acqua fino a una vera oasi di pace e tranquillità dove la fanno da padrone natura incontaminata, laghetto dalle sfumature turchese e cascata.

Come arrivare ai Caraibi del Lazio?

Se desiderate visitare i Caraibi del Lazio, dovete per prima cosa arrivare a Subiaco usando l'auto, il treno o l'autobus.

  • Auto: la nota località può essere facilmente raggiunta in auto a partire da Roma. Percorrete l'autostrada A24 fino all'uscita Vicovaro-Mandela (opzione più rapida); in alternativa uscite a Tivoli e proseguite lungo la Tiburtina.
  • Treno: i convogli d'elezione percorrono la tratta Roma-Pescara con fermata a Mandela e Carsoli.
  • Autobus: i mezzi delle autolinee CO.TRA.L. partono regolarmente (ogni 15 minuti circa) da Roma (Stazione di Ponte Mammolo, banchina 7) e vi portano fino a Subiaco. La tratta viene percorsa lungo l'autostrada su mezzi a due piani.

Arrivati a Subiaco, spostatevi in direzione dei monasteri benedettini; oltrepassate i resti della Villa di Nerone e mantenetevi sul lato destro fino all'area pic-nic. Attraversate, quindi, il ponte di legno, imboccate il sentiero ST2 che costeggia il corso d'acqua e proseguite fino a destinazione.

Caraibi del Lazio

Quando andare ai Caraibi del Lazio?

L'escursione al laghetto di San Benedetto è davvero imperdibile (specie in tarda primavera e nel corso della settimana lavorativa quando l'affluenza dei visitatori è più contenuta) e destinata agli amanti delle passeggiate e non solo (il sentiero non è particolarmente complesso e può essere affrontato da adulti e bambini). Il percorso da seguire, all'ombra degli alberi, culmina nella stretta gola dove ha sede lo specchio d'acqua turchese circondato da una fitta vegetazione comprensiva di salici, pioppi e muschi. Dopo una breve sosta rilassante, potete proseguire la vostra gita presso la Mola Vecchia (vecchio mulino costruito nel XI secolo da alcuni monaci benedettini), la Cascata di Comunacque e l'Abbazia di Santa Scolastica.

Conclusioni

I Caraibi, come abbiamo visto, non sono così lontani come può sembrare perché si trovano in Lazio nei pressi di Subiaco. Questi luoghi, davvero magici, sono la meta prescelta di amanti delle passeggiate e famiglie (con e senza prole) che sono alla ricerca di un posto dove rilassarsi in mezzo alla natura; il laghetto di San Benedetto è accessibile durante tutto l'anno, ma noi vi suggeriamo di programmare la gita in primavera inoltrata quando la natura è una vera e propria esplosione di colori e odori; attenzione, infine, al giorno prescelto (il luogo viene preso d'assalto nel corso dei weekend e trovare un posto dove rilassarsi non è sempre facile).

ContentInfoPostDetail-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
ContentListPostListRelatedByPlaceCateg-GetPartialView = 0,0312525
ContentPostListRelatedByCategNearGeoLoc-GetPartialView = 0,3763236
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156262

FreeContentHtml-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0