×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

#ActiveRio, la cidade maravilhosa: è lei la quinta destinazione di #CityOfTheMonth  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
04 dic 2019 - by Redazione
Rio de Janeiro // Itinerari ed escursioni

Cidade maravilhosa: è così che tutti la chiamano, ed è così che tutto il mondo la conosce. Rio de Janeiro è una delle maggiori città del pianeta, metropoli dai colori sfavillanti e dai forti contrasti e quinta scelta del progetto #CityOfTheMonth di Lufthansa. Che, oltre i suoi luoghi più iconici e conosciuti, ci svela il suo lato più attivo e dinamico con un tema molto speciale. #ActiveRio, tutti i modi di vivere Rio de Janeiro in modo attivo, è il fil rouge della quinta tappa di questo viaggio con cui Lufthansa ci ha già portato a Bangkok, Berlino, Francoforte e Cracovia.

Rio de Janeiro, cosa vedere assolutamente in città

Rio_1

Sono quei luoghi le cui immagini fanno sempre il giro del mondo, facendo sognare i viaggiatori ad occhi aperti e facendogli venire una gran voglia di partire. Sono i luoghi più famosi della città, che se ne stanno immortalati in tutte le cartine e i depliant turistici. Primo su tutti il celeberrimo Cristo Redentore che, dall’alto del Pan di Zucchero su cui si trova, sembra avvolgere tutta la città sottostante in un monumentale, possente e caldo abbraccio. Vale la pena arrivare sulla cima del Pan di Zucchero – anch’esso simbolo indiscusso della città di Rio de Janeiro con cui ne definisce lo skyline rendendolo assolutamente inconfondibile – per sentirsi minuscoli di fronte all’enorme statua del Cristo Redentore e per ammirare il miglior panorama su Rio.

Scendendo dal Pan di Zucchero lo spettacolo continua, soprattutto nei principali quartieri della città che sono custodi dei suoi tesori più preziosi. Imperdibile una visita al quartiere di Copacabana a due passi dall’oceano, e romantica la passeggiata tra i vicoli e le piazze di Santa Teresa, conosciuto ormai come la Montmartre di Rio de Janeiro, fino ad arrivare allo storico quartiere di Lapa. È dominato dall’ acquedotto noto come Arco de Lapa, ed è il quartiere che meglio racconta la storia della città attraverso i suoi principali monumenti, e che al tempo stesso ne mette in mostra l’anima movimentata e allegra. Proprio a Lapa, infatti, si trovano locali, ristoranti e bar che lo rendono punto di ritrovo di turisti, ma anche di artisti e intellettuali ed è un luogo frequentato ad ogni ora del giorno e della notte. Un consiglio? Esplorate i quartieri di Rio a piedi, oppure salendo a bordo del Bondinho, il caratteristico tram giallo che collega il centro di Rio de Janeiro con Santa Teresa. È il mezzo di trasporto più pittoresco della città, e sarete colpiti dal suo modo di inerpicarsi attraverso le – talvolta veramente strette! – strade del centro.

Rio de Janeiro a colori, i quartieri della street art

Rio_2

Se ha fama di essere una delle città più vivaci e colorate del mondo, il merito è anche dei tanti murales che nel tempo sono comparsi sulle facciate di case ed edifici, e che si trovano letteralmente ad ogni angolo di Rio de Janeiro. Ecco perché è anche considerata una delle grandi ‘capitali della street art’ su scala mondiale, con interi quartieri che grazie alle opere d’arte a cielo aperto sono state riqualificate e chiamate a vivere una seconda, entusiasmante vita.

Muoversi tra i quartieri dipinti della città è un modo divertente e sorprendente di scoprire Rio de Janeiro in modo attivo, camminando con il naso all’insù per ammirare dei veri e propri capolavori en plein air a cui la cidade maravilhosa da fa tela a tutti gli effetti.

Il quartiere di Copacabana e – ovviamente – quello di Santa Teresa sono degli autentici rifugi per street artist, che su ogni parete disponibile hanno espresso la propria creatività trasformandoli in gallerie d’arte contemporanea (dove non serve neanche pagare un biglietto d’ingresso). Non mancano piccole chicche per gli amanti della street art neanche in altre zone di Rio de Janeiro, ad esempio negli immediati dintorni del Giardino Botanico e nel quartiere di Ipanema. È proprio nel quartiere di Ipanema (sì, proprio quello della ragazza cantata da Antonio Carlos Jobim), che si possono ammirare pavimenti decorati da graffiti e disegni, oltre che da scritte realizzate sia in portoghese che in inglese per essere comprensibili al maggior numero di persone possibili. Perché, come spesso accade nel mondo della street art, anche gli artisti brasiliani veicolano ideologie e messaggi attraverso le proprie opere, facendo in modo che arrivino oltre i confini locali e diventando universali.

Rio de Janeiro e lo sport, dove trovare la vera #ActiveRio

Rio_3

Sarà merito del clima, caldo e mite praticamente tutto l’anno, sarà per la presenza di tante spiagge, bellissime e lunghe, tutte rigorosamente bagnate dalle limpide acque dell’oceano. Certamente non mancano le condizioni perché un turista alla ricerca di un soggiorno attivo trovi a Rio de Janeiro la sua vacanza su misura.

Soprattutto sulle principali spiagge della città, prime tra tutte quella di Copacabana e quella di Ipanema, ogni giorno sono tantissime le persone impegnate nelle attività più disparate. Dalle infinite partite di beach volley e beach soccer, fino alle attrezzatissime palestre all’aperto che fanno la gioia di ogni provetto body builder, a Rio de Janeiro è quasi impossibile restare fermi. E se sentite forte il richiamo dell’acqua, c’è un intero oceano ad aspettarvi; costantemente accarezzato dalla brezza marina, regala dolci onde adatte per la pratica di surf, windsurf e ogni altro tipo di sport acquatico.

Sport e Rio de Janeiro, due elementi che convergono naturalmente in una sola, famosissima realtà. Chi non ha sentito parlare almeno una volta dell’iconico, leggendario Maracanà? Più che uno stadio è un luogo di culto, simbolo del futbol bailado verdeoro capace di accogliere oltre 90.000 tifosi festanti. Inaugurato in occasione del Campionato del Mondo del 1950, ancora oggi l’Estadio Mario Filho (è questo il suo vero nome, anche se in pochi lo sanno) è un tempio del calcio brasiliano oltre che imperdibile attrazione turistica per tutti gli appassionati di questo sport. Perché se è vero che sono stati gli inglesi ad inventare il calcio, è vero anche che sono stati i brasiliani a trasformarlo in arte!

ContentInfoPostDetail-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
ContentListPostListRelatedByPlaceCateg-GetPartialView = 0
ContentPostListRelatedByCategNearGeoLoc-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0