HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Stonehenge, Old sarum, Salisbury, Oxford, Londra  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
stefania
Scritto da: stefania
Località: Oxford, Londra
Durata: 6 giorni
Data partenza: dal 16/01/2011 al
Viaggiatori: 2
Nomi dei viaggiatori: Stefania e Vanessa
0

Introduzione

Questo è stato il mio decimo viaggio a Londra e quindi ho scelto delle mete particolari da visitare come Stonehenge, Old sarum, Salisbury, Oxford e naturalmente Londra

Descrizione

Questo è stato il mio decimo viaggio a Londra e quindi ho scelto delle mete particolari da visitare.

Siamo partite io e mia figlia con un volo Ryanair da Ciampino a Gatwick. Volo tranquillo, atterraggio un po’ meno a causa delle folate di vento che hanno fatto vibrare molto l’aereo. Dall’aeroporto abbiamo preso un treno che in mezz’ora ci ha portate a Victoria Station. Velocissimo!

A Victoria Station abbiamo acquistato la Travel card per la 1 e 2 zona che ci è costata 26 sterline e ci ha permesso di salire e scendere da bus, metro e treni di superficie per tutta la settimana e per tutte le volte che abbiamo voluto.

Il primo giorno di permanenza siamo andate a Holland park, per visitare i Kyoto gardens. Dal nome si capisce che sono giardini giapponesi. La mattinata era piena di sole e i giardini sono a dir poco meravigliosi, anche a metà gennaio. Da vedere assolutamente.

Dopo i Kyoto gardens siamo tornate a Piccadilly circus, e abbiamo iniziato a vagabondare per le vie intorno a Piccadilly street per vedere i bellissimi negozi che ci sono. Abbiamo trovato un ottimo negozio con prodotti italiano, gestito da un bravissimo ragazzo italiano che si chiama Manuel. Il negozio si chiama La bottega ed è in 20 Ryder street, e abbiamo mangiato veri prodotti italiani, cucinati da italiani e spendendo molto poco. Siamo rimaste talmente soddisfatte che ci siamo tornate a mangiare altre tre volte.

Il pomeriggio siamo andate a visitare Temple Church in Inner Temple Lane. Questa chiesa è molto particolare, ha la pianta  ispirata alla Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme ed è composta da due parti: la più antica, detta Round, è stata consacrata dal patriarca di Gerusalemme nel 1185 mentre l'altra, detta Chancel, è stata aggiunta nel XIII secolo. A destare stupore sono le effigi in pietra dei nove cavalieri templari a grandezza naturale posizionati nel Round. In questo tempio, Dan Brown ha ambientato alcune scene del suo famoso libro “Il codice da Vinci”.

Al termine della visita siamo andate a fare shopping da PrimeMark a Marble Arch. Come al solito ne siamo uscite piene di buste e con la carta di credito svuotata.

Il giorno dopo, sveglia presto e via di corsa a prendere il treno a Waterloo Station. 

Destinazione Salisbury e il tempio di Stonehenge.

Dopo un’ora di viaggio in treno, attraverso la verde campagna inglese, arriviamo alla stazione di Salisbury. Appena fuori troviamo un bus che per la modica cifra di 18 sterline ci porta al tempio e successivamente a Old Sarum. Il bus parte ad ogni ora durante l’inverno e ogni mezz’ora durante l’estate, e nel prezzo è compreso il biglietto d’ingresso al tempio e l’audio guida.

Saliamo e dopo appena 20 minuti di viaggio, finalmente avvistiamo il tempio di Stonehenge. L’emozione è grandissima, finalmente posso mettere piede in quel mistero incredibile che è il tempio di pietre blu.

Scendiamo e dopo aver ritirato l’audio guida iniziamo il percorso che gira intorno al cerchio di pietre. La giornata è gelida, ma c’è un sole splendido. Non ho mai visto una giornata così luminosa come quella che ho trovato a Stonehenge. Per un’ora abbiamo osservato il cerchio di pietre, il fossato, e ascoltato le spiegazioni. Però le domande rimangono: cosa è Stonehenge? Perché è stato costruito proprio lì? E da chi?

Insomma, nonostante l’audio guida dia tante informazioni, purtroppo quelle essenziali nessuno è in grado di offrirtele.

Riprendiamo l’autobus con ancora tutte le domande senza risposta dentro la testa, e arriviamo a Old Sarum.

A Old Sarum ho avuto una sorpresa. Nonostante avessi letto un libro sulla storia di Sarum, non mi aspettavo un sito così bello ed interessante. Mi sono lasciata catturare dalla storia di questo antico villaggio e avrei voluto che la scoperta non finisse più. Purtroppo niente è per sempre, e quindi siamo dovute ridiscendere alla fermata del bus per tornare a Salisbury. Il nostro autista è stato puntualissimo e dopo 10 minuti siamo arrivate al centro di Salisbury e siamo scese in Market Square. Infreddolite al massimo ci siamo rifugiate in un pub molto carino ricavato in una delle case più antiche di Salisbury, e abbiamo ordinato un te e una bella fetta di torta alle noci e carote. Ci siamo leccate i baffi.

Riscaldate e rifocillate, ci siamo dirette a vedere la magnifica cattedrale, dove sono conservate quattro copie della Magna carta. La visita alla cattedrale richiede almeno due ore di tempo, per tutte le cose che vi sono conservate e per ammirarne la straordinaria architettura.

Dopo la visita, si era ormai fatto pomeriggio tardi, abbiamo dato un rapido sguardo alle vie del centro e poi ci siamo dirette alla stazione per riprendere il treno per London.

Il mattino dopo, ci siamo dirette alla stazione di Paddington da dove abbiamo preso un treno diretto ad Oxford, dove mia figlia vuole scegliere l’università.

Lo scopo di questo viaggio, è stato proprio quello di dare uno sguardo alla città e informarsi sul college da scegliere.

Appena fuori la stazione c’è la fermata degli autobus, da dove noi abbiamo preso il bus per il seethings tours. Il tours dura un’ora e ci siamo fatte un’idea della città. Poi siamo scese nuovamente alla stazione e da lì abbiamo iniziato il nostro tour personale. Abbiamo visitato diversi college e nella visita abbiamo incluso anche il negozio di Alice nel paese delle meraviglie, il giardino botanico, e il pub dove Lewis Carrol e Edward Rutherfurd  si incontravano per discutere dei loro libri.

La sera stanchissime abbiamo ripreso il treno e siamo ritornate a Londra.

Il giorno dopo, siamo rimaste a Londra e abbiamo dedicato la nostra giornata al mercato di Borough market dove si possono assaggiare ed acquistare i prodotti tipici inglesi, ma anche quelli di altri paesi del mondo. E’ il mercato dove i ristoranti più famosi si approvvigionano. E’ da vedere assolutamente.

A pranzo siamo andate nuovamente alla Bottega, e abbiamo mangiato un’ottima pasta al forno e per finire una fetta di torta della nonna. Che goduria.

Il pomeriggio siamo andate ad Oxford Street, come delle comuni turiste però ci siamo limitate nello shopping, non avendo posto nelle valigie per altri acquisti.

L’ultimo giorno ci siamo alzate con poca voglia di fare le turiste e quindi ci siamo coccolate facendo una buona colazione da caffè nero e poi di nuovo a pranzo a “la bottega”. Dopo pranzo abbiamo preparato le valigie e ci siamo dirette a Victoria Station per prendere il treno ed andare in aeroporto.

Il prossimo viaggio è prenotato in aprile.

0
DiaryDetailTopContainer-GetPartialView = 0,0312498

Commenti

0
DiaryCommentList-GetPartialView = 0,0156249
AdvValica-GetPartialView = 0

Racconta il tuo viaggio

Condividi la tua esperienza con altri viaggiatori
I tuoi racconti di viaggio sono unici, raccontali con parole e immagini. In più, grazie alle tue storie accumuli sconti su vacanze e accessori per partire verso una nuova avventura!;
DiaryWriteDiary-GetPartialView = 0
VideoListSlider-GetPartialView = 0
0,0624997
DiaryListRelated_2xN-GetPartialView = 0,0624997
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
VideoListSlider-GetPartialView = 0,1406247
AdvValica-GetPartialView = 0

Scarica gratis

la guida pdf di Londra
La guida perfetta ovunque tu sia

Scarica gratis

la guida pdf di Oxford
La guida perfetta ovunque tu sia
DiaryGuideList-GetPartialView = 0,0156253
0,0624997
DiaryList_1xN-GetPartialView = 0,0624997
JoinUs-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0156249
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0