Destinazioni Idee di viaggio Confronta Hotel Voli Vacanze Crociere Vedi tutto
Risorse Per
Auckland

Nuova Zelanda fai da noi

Community: Diari di viaggio e Racconti Nuova Zelanda fai da noi



Autore: Idue
Voto complessivo:

Durata: 15 gg
Data di partenza: 01/08/2010
Numero di viaggiatori: 2
Nomi dei viaggiatori: IDUEPINGUINI Francesco e Luisa
Condividi esperienza


02/08/2010:
…Finalmente si parte… Milano Linate – Londra – Singapore – direzione Auckland…

04/08/10:
Dopo diversi voli abbastanza lunghi (+ di 24 ore), trasbordi, attese e numerosi controlli di sicurezza (soprattutto per conservare la biodiversità), usciamo dall’aeroporto e respiriamo aria di questo meraviglioso continente.
Prendiamo il bus navetta che ci porta in centro ad Auckland e in prossimità del nostro hotel; formalità di rito, tuffo in stanza e subito in strada… Alloggiamo praticamente sotto la skytower, il simbolo da qualche anno di questa città.

In centro ci sono ristoranti e negozi che rappresentano tutto il mondo con prevalenza di quello asiatico e i colori e i profumi si mischiano tra loro, così come le persone e le etnie; la prima cosa di cui ci si rende subito conto infatti, è di come non ci sia un popolo predominante, ma piuttosto la popolazione neozelandese sia il frutto di una giovane migrazione e convivenza pacifica… tra religioni, colori di pelle e filosofie di vita, il tutto nel massimo rispetto altrui naturalmente (ma questo è un altro tema).
La salita sulla torre è d’obbligo… e il panorama discreto, il porto illuminato e le luci della città che si perdono a vista d’occhio.
Distrutti dal viaggio e dal fuso, dopo una veloce cena si ritorna in camera… a dormire se pur solo fino alle 5 del mattino.

05/08/10:
Colazione da Starbucks e ci dirigiamo verso il quartiere Devonport di fronte al porto; 15 min. di traghetto e si arriva in una tranquilla isola vulcanica, senza grattacieli e con poche auto.
Sembra un altro mondo… ville stupende che si affacciano sulla baia con un panorama invidiabile.
Al ritorno, qualche foto nel villaggio creato per l’America’s Cup, elegante e lussuoso.

06/08/10:
Passeggiamo in relax nei numerosi parchi (The Domain ecc…) sino al villaggio universitario, per vivere anche se solo per un po’ a contatto con i numerosissimi ragazzi del posto.
Tre giorni in questa città per rendersi conto della globalizzazione (i ragazzi a scuola con lo zaino di Ben Ten) e per farsi un’idea di questa interessante e varia metropoli… possono bastare; la vera Nuova Zelanda è quella che ci aspetta domani. Si vola verso la selvaggia e naturale South Islands.

07/08/10:
Arriviamo all’aeroporto di Christchurch e dopo aver affittato un’auto (classica toyota corolla), andiamo nel motel (l’unico trovato libero – un po’ squallido e dentro un distributore di benzina) giro in città e aspettiamo sera… abbiamo comprato due biglietti per la partita di rugby – All blacks – Australia.

Da queste parti il rugby è sport nazionale e tutta la città è in fermento per l’arrivo della squadra più forte del mondo… Allo stadio c’è un gran bello spettacolo soprattutto d’attesa e di contorno, più che per la partita, almeno secondo la nostra concezione di tifo.
Esperienza particolare, grazie anche ad una coincidenza d’itinerario incredibile… (si… ma …”che cazz di scilazza” – che freddo ndr – che faceva allo stadio!!!).

08/08/10:
Sotto un diluvio e alle 5 del mattino ci dirigiamo, con atlante stradario alla mano, verso la prima destinazione KAIKOURA. Si costeggia l’oceano pacifico con dei meravigliosi punti panoramici e ad un certo punto sul ciglio della strada… non possiamo crederci, rallentiamo, si si si, che spettacolo!!! Sono proprio FOCHE!!!

Una numerosa famiglia di foche… che carine… e che dolci, una si fa fotografare mettendosi in posa come se fosse una modella… sembra dirci “era un po’ che non vedevo un fotografo, stavo dormendo ma qualche foto ve la concedo volentieri…!!!”.
Giunti a KAIKOURA, purtroppo piove e c’è vento e l’escursione in barca per vedere le balene è annullata… UHM!!!
Vabbè proseguiamo…attraversiamo da parte a parte (da est a ovest) l’isola… e qui il paesaggio diventa da sogno. Su e giù per le montagne, passando in rigogliosissimi boschi, sino al punto più alto del monte, dove ci becchiamo una bella tormenta di neve…

l’atmosfera in auto non è proprio rilassata, ma fuori le Alpi innevate regalano una meravigliosa vista sino a Greymouth.

09/08/10:
Sveglia presto… in auto verso i GHIACCIAI FRANZ e FOX;

Verso le 12.00 arriviamo alle pendici dei ghiacciai, c’è una splendida giornata di sole e cosa c’è di meglio che vedere i ghiacciai da vicino…a bordo di un elicottero? Sorvoliamo le montagne innevate e quando ci si avvicina al Franz e Fox Glacier notiamo quanto siamo piccoli e insignificanti rispetto alla bellezza e maestosità di madre natura…
Atterriamo su una distesa magnifica di neve, praticamente un deserto bianco di freschissima e morbida neve… e che panorama.
CHE SPETTACOLO!!!

Dopo poco, ancora con la mente piena di emozioni siamo sdraiati su una splendida spiaggia oceanica, infinita distesa di silenzio e tranquillità… mentre scattiamo qualche foto osservando il fascino dell’oceano, li dietro di noi i ghiacciai ci osservano e ci salutano.

… e su e giù per le montagne, tra boschi, fiumi e laghi… sino a WANAKA.

10/08/10:
WANAKA è una splendida cittadina turistica, nonchè stazione sciistica, sulle sponde del lago utilizzata per le vacanze invernali dai ragazzi neo zelandosi e non.
L’itinerario prevede escursione sul fiordo Milford Sound, ma siamo lontani quasi 10 ore di auto e così decidiamo di fare uno strappo al budget…e si vola ancora, stavolta con un piccolo e traballante piper (4 posti).

La sorvolata è praticamente una lezione di geografia accelerata: tutto quello che abbiamo sempre letto a scuola – “ghiacciai, cascate, laghi, fiumi sino alla foce nell’oceano…”

lo possiamo vedere in poco più di un’ora…e qui la natura dimostra tutta la sua grandiosità!!!
Il pilota nonostante abbia fatto quella rotta centinaia di volte, rimane affascinato e incantato e si affanna e indicarci le bellezze naturali.
Attraversando il fiordo in barca ci avviciniamo prima ad una colonia di pinguini e poi ad una di foche che prendono il sole in relax assoluto, fino a qualche schizzo sotto una potente cascata… Certo la temperatura non è clemente, ma come non fare una foto sotto la cascata…!
VOTO DEL GIORNO “10”.

11/08/10:
Dunedine è la città più grande della OTAGO PENINSULA… seguendo la mitica guida e lo stradario arriviamo in una stradina sterrata in discesa che porta sino al mare… lasciamo l’auto e ci incamminiamo, zaino in spalla con attrezzatura per foto e film a portata di mano…
La spiaggia, che raggiungiamo dopo 30 min. di camminata,

E' deserta, anzi no…ma… si si… la guida non mente… ci sono tanti leoni marini a prendere il sole. E così ci ritroviamo da soli su una spiaggia magnifica a fotografare con circospezione i leoni marini…chi l’avrebbe mai detto (cavolo se sono grossi)!!!

E poi c’è l’oceano con il suo fascino a cui non ci si può abituare, bisogna osservarlo con rispetto e ammirare le sue onde…e così facciamo.
Ma il nostro obiettivo per cui siamo arrivati sino quasi alla fine del mondo è un altro… e proprio mentre ci stiamo per arrendere e andar via…incontriamo un personaggio mitico…GEORGE!
Un volontario di mezza età che ogni giorno va a fare due chiacchiere con i leoni marini e vede come stanno… la prima domanda che gli facciamo è: “siamo qui per vedere i PINGUINI… ci aiuti?”

…Al resto non ci si può credere… George va a chiedere a leoni marini di tuffarsi in acqua per dare la possibilità ai pinguini di uscire dal mare… e come se fossero suoi amici… così avviene; due meravigliosi pinguini, con un’agilità inaspettata, salgono approfittando delle onde e si arrampicano sulla montagna per andare a dormire.

Nemmeno uno scrittore sarebbe capace di descrivere le emozioni provate…VOTO DEL GIORNO “10 e lode”. Ormai il tramonto è vicino e ritorniamo indietro con gli occhi emozionati…altri pinguini, con la caratteristica, curiosa ma veloce andatura, risalgono le dune e un leone marino femmina ci saluta,

forse ha capito che siamo diventati amici del meraviglioso George…

Nei prossimi giorni saremo in Polinesia sulla spiaggia corallina di Punta Matira… ma questa è quasi un’altra vita!!!

iduepinguini – viaggiatori senza portafoglio





Commenti sul Diario

Data: 22/02/2011 18.29.00

Se vuoi avere maggiori informazioni sulla Polinesia, Australia, Nuova Zelanda e USA o su altri Paesi dell'Oceania...magari per organizzare con itinerari e preventivi, insieme ai DUE PINGUINI il tuo fantastico viaggio fai da noi x voi... scrivici pure a iduepinguini@hotmail.com oppure visita il sito www.iduepinguini.com

Idue

Ti potrebbe interessare anche...

Nuova Zelanda – 2000 Km contromano

Un viaggio nella terra dei Kiwi, duemila chilometri alla scoperta di un posto che sembra un enorme parco naturale, 4 milioni di abitanti e 40 milioni di pecore.

Voto complessivo:

La grande nuvola bianca...

..4200 km in lungo e in largo..

Voto complessivo:

Diario di Viaggi - Salento, terra di libertà

Racconto della mia vacanza in Puglia, in una splendida masseria di Fasano, e nel Salento, in un elegante hotel del centro storico di Lecce. Consigli sulle spiagge e sui deliziosi piatti della cucina salentina al ritmo frenetico della pizzica.

Voto complessivo:

Ricerca


Racconta il tuo viaggio

Condividi la tua esperienza con altri viaggiatori

I tuoi racconti di viaggio sono unici, raccontali con parole e immagini. In più, grazie alle tue storie accumuli sconti su vacanze e accessori per partire verso una nuova avventura!

Ultimi diari inseriti

USA – Agosto 2012

Due settimane per 4000km per quattro stati, magnifici Stati Uniti!

FIRENZE – Febbraio 2014

Due giorni nella magica Firenze

AMSTERDAM – February 2011

Sa Valentino ad Amsterdam!