Destinazioni Idee di viaggio Confronta Hotel Voli Vacanze Crociere Vedi tutto
Risorse Per
Londra

Londra, for women only

Community: Diari di viaggio e Racconti Londra, for women only



Autore: Ester
Voto complessivo:

Durata: tre giorni, due notti
Data di partenza: 04/12/2007
Numero di viaggiatori: due
Nomi dei viaggiatori: Ester e Susan
Condividi esperienza


Introduzione

Avventura semiseria di due donne abitualmente serissime ma che perdono la testa alla vista di scarpe, borse, gonne camicette, profumi, e tutto quello che può scatenare in loro l'istinto, di solito represso, delle shopping-alcohilc.

Londra, for women only, ovvero tre giorni (scarsi ma intensi) di tutto ciò che due amiche possono fare con a disposizione tempo libero, carte di credito e….centinaia di negozi nel centro della capitale più elettrizzante d’Europa.

Le Tappe del Viaggio

04/12/2007

La prima cosa, fondamentale, non è tanto prenotare il biglietto aereo ( a dicembre, in mezzo alla settimana la Ryan Air offre sempre voli a 0,1 tasse escluse), quanto scegliere la “base” più adatta ai nostri shopping-raid. La mia amica Susan (originaria di Londra ma romana d’adozione) è molto rigorosa in questo.

L’albergo deve trovarsi a pochi passi dal triangolo delle Bermude (Oxford street, Regent Street, Bond street) perché l’ultima volta che abbiamo fatto shopping insieme in questa città alloggiavamo dietro Trafalgar Square ed è stato veramente un capolavoro di equilibrismo riuscire a rimanere in piedi sull’autobus che ci riportava in albergo con sedici pacchetti in sole due mani.


Dopo giorni di ricerche su internet, individuiamo ciò che fa per noi: il Sumner Hotel, centrale (fermata Marble Arch), recentemente rinnovato, ottime referenze. La  stanza costa un pò (la colazione è inclusa), ma per gli standard di Londra non è assolutamente un’esagerazione.

04/12/2007 Parto da Roma da sola poiché la mia amica mi ha preceduto di qualche giorno per andare a trovare dei conoscenti a Salisbury. Opto per il check in on line e 10 kg di bagaglio a mano (grave errore di leggerezza quando si tratta di fare due shopping days e specialmente se si viaggia con la Ryan Air) convinta di poter distribuire al ritorno alcune cose anche nella borsetta che quindi scelgo opportunamente capiente.

Arrivo puntuale a Stansted e, non avendo bagaglio da stiva, telefono alla mia amica avvisandola che arriverò puntuale al pranzo di sole donne in Piccadilly Circus, fissato per le 13,30.

A Liverpool street mi rendo conto che il costo della metro qui a Londra ha subito una notevole impennata rispetto a due anni prima: 4 sterline fino a Piccadilly, sola andata……Meglio il biglietto giornaliero degli autobus con i quali scorazzare a piacimento al costo modico di 3,50 sterline.

Comunque arrivo all’appuntamento davanti Fortnum and Mason debitamente affamata. Mi accolgono Susan ed una sua amica e mi portano a pranzo in una brasserie poco distante, tipicamente british nello stile e nel menù. Dopo pranzo, prendiamo un taxi e ci dirigiamo verso il Sumner Hotel per depositare le valigie. L’albergo è esattamente come ce lo aspettavamo : esternamente è una bella casa  in stile tipicamente inglese, dentro è molto confortevole e accogliente. La stanza, la 104, è elegantemente arredata in tonalità chiare e fornita di aria condizionata e televisore a schermo piatto.

Appena il tempo di rinfrescarci un poco e liberarci del bagaglio e siamo di nuovo fuori, agguerritissime, per dare inizio alla nostra non stop di shopping selvaggio. Sono quasi le quattro del pomeriggio, pioviggina e sta per diventare buio ma ciò che conta è che i negozi saranno tutti aperti, almeno fino alle 20.

Oxford street: da qui parte la nostra spedizione. L’ordine del giorno prevede alcuni acquisti obbligati: un top grigio argento per dare luce al solito tailleur nero di capodanno, biancheria intima da Mark’s and Spencer, abiti da bambina per la nipotina di un anno di Susan (l’elenco che le ha fatto la figlia è minuzioso e non ammette errori), altoparlanti Apple per l’ipod shuffle (praticamente introvabili in Italia), il ripieno per i mint spice, pasticcini da mangiare a natale ed il Christmas Pudding per mio padre.

Poi, andiamo a braccio.

Su Oxford street scandagliamo ogni negozio con reparto bambini nel raggio di miglia (Next, H&M, Zara etc) ma è da Gap che troviamo la tuta da sci marrone che deve fare il paio con il pantalone acquistato da Gap a New York.

Compriamo anche un paio di chili di magliette, pantaloncini, vestitini  e quant’altro….

Ma è il top grigio argento che ci crea i problemi più grandi. Entriamo da John Lewis (così, così..), Debenhams (troppo ordinario), Mark’s and Spencer (non abbastanza fornito ma in compenso qui spendiamo 200 sterline in due in biancheria intima la cui qualità in rapporto al prezzo è veramente ottima), House of Fraser, Allders, Selfridges (esageratamente caro ma il reparto abbigliamento femminile è un vero sogno  e poi, se vuoi, ti danno anche la shopping assistent…) dove cerchiamo anche delle candele profumate alla gardenia (o era magnolia?) che risultano però introvabili.

Decidiamo di non farci sfuggire i negozi grandi firme di New Bond street e Old Bond Stret: cerchiamo il top da  Calvin Klein, Donna Karan, D&G, Ungano, Yves Sant Laurent, Blumarine, Chanel, Etro, ma più per autentico istinto omicida che per seria convinzione.

Negozio dopo negozio arriviamo all’incrocio con Regent street. Enormi globi di diversi colori decorano la strada, non dimentichiamoci che tra una decina di giorni è Natale…..Qui abbiamo due compiti fondamentali da espletare: giocattoli da Hamleys e altoparlanti per ipod all’Apple store.

Chiaramente, ci mettiamo in mezzo anche un saltino da Liberty per comprare un utilissimo borsellino porta centesimi che costa quanto una borsa di Furla ed un’agendina rossa (che solo qui pare si possa trovare) con i giorni della settimana posizionati esattamente come Susan pretende…….

Mi innamoro di un mini ombrello di Ridley con un West Highland disegnato sopra (la stessa razza del mio amato cane) che per 35 sterline diventa subito mio.

Non mi rendo conto di quanti sms dal centro servizi della mia carta di credito mi stiano arrivando: ho tolto la suoneria……

Credo che l’idea di paradiso di ogni bambino assomigli certamente moltissimo ad Hamleys.

Tutto ciò che si può considerare giocattolo è in vendita in questo enorme negozio a più piani che troneggia nel centro di Londra dal 1760 e che consegna anche a casa, continente compreso.

Faccio i capricci per avere un candido West Highland White Terrier di peluche che abbaia e scodinzola, Susan deve trascinarmi via per un braccio ricordandomi, a monito, che ho fatto il check in on line anche per il ritorno ed io, mi sto odiando per questo. In questo universo di pupazzi, bambole e cavalli a dondolo, scatto alcune fotografie del Westie per non dimenticare ed aiuto Susan nella ricerca estenuante di una piccola sfera con dentro la neve, di quelle che quando le rigiri fanno tanto natale.

La troviamo ma costa quanto un borsellino porta centesimi da Liberty, cioè quanto una borsa di Furla. Stavolta sono io che le impongo una rapida uscita da questo temibile luogo di perdizione.

Decidiamo quindi di perderci nel negozio a due piani della Apple, dove una gentile commessa ci illustra tutti i possibili altoparlanti per Ipod in vendita che si adattano allo shuffle grazie ad uno spinotto. Ci assicura però che possiamo trovarli anche nel negozio Apple di Roma e quindi decidiamo di rimandare l’acquisto per non caricarci di un inutile peso (grosso errore, in Italia non sono in vendita, tocca tornare a Londra!)

Per non farci mancare niente prima di cena, torniamo da Mark’s and Spencer reparto food dove facciamo incetta di biscotti e pudding per mio padre e del famoso ripieno per i mint’s spice. Non ci accorgiamo che si sono fatte le nove di sera, ce ne rendiamo conto solo dallo scontrino della tuta di ciniglia celeste per mamma e da una certa spossatezza forse dovuta all’appetito.

Riportiamo in hotel i pacchetti e prendiamo un autobus per Trafalgar Square. Cena da Thai Pot, ristorante tailandese sulla via per Covent Garden. Al ritorno, sono circa le 23,30, la macchina dei biglietti alla fermata ci mangia i soldi senza emettere nulla.

Il conducente non si fida e non ci fa salire. Susan chiama il servizio guasti (il numero è sulla macchina) che, incredibilmente risponde! Si fanno dare numero della macchina guasta, numero dell’autobus che non ci ha fatto salire e conto corrente di Susan per rimborsarle l’importo dei biglietti.

Poi Susan li fa parlare con l’autista dell’autobus successivo che ci fa salire e ci riporta a casa….Non ho parole, quasi come a Roma.



Commenti sul Diario

Data: 04/12/2008 17.15.00

Grazie per l'apprezzamento, ma ti sarà molto difficile sotto Natale...dovresti farla andare in giro bendata. Buon viaggio!

Ester

Data: 02/12/2008 0.22.00

Son terrorizzato dopo la lettura del tuo diario....parto sabato per londra con mia moglie, una shopper mannara! comunque complimenti per il racconto davvero piacevole, spero di riuscire ad evitarli tutti quei luoghi di peridizione. saluti

Enrico

Ti potrebbe interessare anche...

Londra

Londra! Ci sono stato da piccolo, in terza media, durante una gita scolastica di una settimana. Poi ci sono ripassato un paio di volte. E´ l´ora di tornarci. Non abbiamo molti giorni a disposizione, dovremo sfruttarli al meglio...

Voto complessivo:

Grigia e affascinante Londra

A spasso nella grandiosa capitale londinese...è gia buio e l’impatto è emozionante: la stazione è stupefacente e sembra di entrare in un film di Harry Potter!

Voto complessivo:

Londra

Dopo una bella colazione all'inglese, siamo andati alla stazione di Reading e abbiamo preso i biglietti per Londra...affascinante e bella.

Voto complessivo:

Ricerca


Racconta il tuo viaggio

Condividi la tua esperienza con altri viaggiatori

I tuoi racconti di viaggio sono unici, raccontali con parole e immagini. In più, grazie alle tue storie accumuli sconti su vacanze e accessori per partire verso una nuova avventura!

Ultimi diari inseriti

Il Castello di Lady Hawke

Lady Hawke il volo dell'aquila e le orme del Lupo

Messico, mitica San Miguel de Allende

Miguel de Alliende, il Messico dove la storia si respira in ogni angolo

Querétaro, Peña de Bernal, le hacienda: Tovares, Misión Galindo, La Miralla

Queretato, visita delle città e di alcune hacienda tipiche della zona